Palermo, troupe di 'Striscia la Notizia' aggredita allo Zen

Share

Palermo, troupe di 'Striscia la Notizia' aggredita allo Zen

Vittorio Brumotti, un telecineoperatore ed un assistente, sono stati aggrediti durante un'inchiesta sulla droga.

La troupe è, quindi, rientrata di corsa nell'auto blindata per ripararsi dal lancio di pietre ma a un certo punto il tetto dell'auto è stato sfondato da un pesante blocco di cemento lanciato da un piano alto di una casa e la portiera della macchina è stata bucata da un colpo di arma da fuoco.

Solo grazie all'arrivo della Polizia, così come accaduto a Napoli, Brumotti e i collaboratori di Striscia la Notizia sono riusciti a mettersi completamente in salvo. "Brumotti insieme alla nostra troupe - come spiega in una nota la produzione della trasmissione - si trovava nel quartiere Zen per documentare come viene gestito lo spaccio di stupefacenti, quando, usciti dall'auto, lui e i suoi collaboratori verso le 16 sono stati aggrediti da un folto gruppo di abitanti del quartiere". Stanno indagando i carabinieri.

L'aggressione, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, con la polizia che è intervenuta in un secondo momento, è avvenuta in via Costante Girardengo.

Nuovo attacco ai danni dell'inviato di Striscia la Notizia. Questo pomeriggio era andato per raccogliere interviste chiedendo ai residenti se conoscessero o meno alcuni pusher e per fare quello che è un pò il suo numero, quello con il megafono: un giro per il quartiere per gridare agli spacciatori di vendere più la droga. Dopo l'aggressione l'inviato e i suoi hanno continuato e concluso il lavoro allo Zen con la scorta dei militari dell'Arma. Si attende, ora, la messa in onda del servizio in questione nelle prossime puntate del noto telegiornale satirico.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.