Migranti, Viminale: sbarchi in calo 50%

Share

Migranti, Viminale: sbarchi in calo 50%

Lo dicono i dati del ministero dell'Interno diffusi quotidianamente sul sito web del Viminale, secondo cui i migranti sbarcati sono stati 4.731. Per il solo mese di gennaio, il Viminale conta 4.081 arrivi, in calo dell'8,66% rispetto allo stesso periodo del 2017 e del 22,61% rispetto a quello del 2016. Sono meno o più di quelli giunti un anno fa? Le nazionalità maggiormente rappresentate sono state Eritrea, Tunisia, Pakistan, Nigeria, Libia e Costa d'Avorio. I minori non accompagnati sono 621, mentre i richiedenti asilo trasferiti in altri Paesi europei sono 11.934. "Il numero di migranti arrivati in Italia attraverso la rotta del Mediterraneo centrale a gennaio è salito a più di 4800, il doppio rispetto al mese precedente, quando le attività di contrabbando sono state rallentate da combattimenti vicino alle aree di partenza e dalle cattive condizioni meteorologiche", si legge nella nota di Frontex, che ha così misurato la situazione sbarchi nel nostro Paese. I numeri sono lievemente risaliti a gennaio 2018 restando però in linea con i dati di gennaio 2017. Per prima cosa, possiamo dire che Frontex ha ragione: a gennaio del 2018 gli arrivi sono stati circa 4.800, più del doppio rispetto a dicembre 2017.

Il numero di migranti sbarcati sulle coste italiane dal primo gennaio a oggi, 13 febbraio, è inferiore del 49,93% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Dai dati preliminari di Frontex emerge che, nonostante la maggioranza degli arrivi in Europa riguardi cittadini eritrei, gli sbarchi dei cittadini libici sulle rive del Vecchio Continente sia in aumento. Ancora: "A gennaio, il numero di migranti irregolari che percorrevano la rotta del Mediterraneo orientale, raggiungendo principalmente le isole greche, è sceso del 43% dal mese precedente a 1.850". Sulla rotta dei Balcani occidentali infine si sono registrati 300 arrivi. Rispetto invece a gennaio 2017, il numero di arrivi risulta in linea. Sono sbarcati soprattutto siriani e iracheni.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.