Emiliano, Pd in governo se mandato a M5s

Share

Emiliano, Pd in governo se mandato a M5s

Il governatore pugliese ha quindi proseguito lanciando una frecciata non indifferente al leader del Pd, Matteo Renzi: "Ho l'impressione che se gli italiani in questo momento potessero pensare al futuro del Pd con una guida diversa da Renzi, prenderemmo qualche punto in più alle elezioni". Michele Emiliano si fa poche illusioni sul risultato delle elezioni politiche del 4 marzo e afferma in un'intervista a Telenorba che "s il Pd perderà le elezioni, tutto ciò che fino ad oggi in qualche modo è stato perdonato al segretario del Partito Democratico dovrà trovare una sintesi politica diversa. Se il Pd non dovesse essere il primo partito e l'incarico dovesse essere dato al M5s, e ad altre ipotesi non voglio pensare, siccome sarà un governo di emergenza perché nessuno avrà la maggioranza assoluta, bisognerà far in modo che il gruppo riceverà l'incarico poi possa formare un governo".

"Noi in Puglia dobbiamoresistere e con i nostri parlamentari aiutare il Pd nazionale acambiare e a uscire dal renzismo". E sarebbe veramente divertente conoscere in che cosa consisterebbe lo "sforzo" di Emiliano nel PD. Michele Emiliano afferma di preferire i rappresentanti del MOVIMENTO 5 STELLE rispetto a quelli del centrodestra: questa sua scoperta delle ultime ore lo porterà anche a rinunciare al reclutamento in Puglia di numerosi ex avversari di centrodestra - tra i quali Simeone Di Cagno Abbrescia - per assegnare loro golose ed inutili poltrone, retribuite con i soldi dei contribuenti baresi e pugliesi? Emiliano risponderà? Ecco le domande. "Io sto provando a fare quel passo indietro che consenta pero' di uscire tutti con l'orgoglio di appartenere a questo partito", aggiunge.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.