Caporalato a Montegiordano. Un euro per ogni cassetta di mandarini raccolti

Share

Caporalato a Montegiordano. Un euro per ogni cassetta di mandarini raccolti

Un altro colpo è stato inferto al caporalato, piaga chevede ancora una volta interessato il territorio della piana di Sibari, nel cosentino.

E' quanto scoperto dalla Guardia di finanza di Montegiordano che ha arrestato una persona e denunciato altre 7. Le fiamme gialle hanno intercettato lungo la statale 106 jonica, all'altezza di Roseto Capo Spulico, un furgone con a bordo un cittadino italiano, titolare di un'azienda agricola e numerosi migranti di nazionalità extracomunitaria, alcuni dei quali sprovvisti di documenti. I salari elargiti ai lavoratori (le "giornate") sono notevolmente inferiori rispetto a quelli del tariffario regolamentare e privi di versamento dei contributi previdenziali.

Sulla base delle dichiarazioni dei soggetti e della documentazione ritrovata all'interno del mezzo, sono stati individuati dieci lavoratori "in nero" che sarebbero statisfruttati dai titolari di due aziende agricole locali, i cosiddetti proprietari dei "giardini", un termine che viene utilizzato dai caporaliper indicare l'appezzamento di terra dove impiegare la manodopera.

Al termine delle operazioni sono stati così denunciati i due italiani titolari delle aziende ed una donna rumena che, in concorso tra loro, dovranno rispondere del reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. 603 bis c.p. e rischiano da 1 a 6 anni di reclusione e una multa da 500 a 1.000 euro per ciascun lavoratore reclutato e la reclusione da 1 a 5 anni e la multa di 15mila euro per favoreggiamento all'immigrazione clandestina. Denunciati anche tre dei migranti, perché privi di permesso di soggiorno. L'uomo, di nazionalità algerina, aveva fornito durante i controlli false generalità, ma i militari sono venuti a conoscenza della sua vera identità, scoprendo che era gravato da un provvedimento di cattura e ricercato dallo scorso anno per reati in materia di immigrazione clandestina e contro la persona e il patrimonio.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.