Wall Street: prima 2018 a razzo, Bitcoin al fulmicotone

Share

Wall Street: prima 2018 a razzo, Bitcoin al fulmicotone

L'indice Ftse Mib ha chiuso in progresso del 2,77% a quota 22.512,13 punti. Ieri il listino milanese ha posto fine a una striscia di 5 sedute consecutive in ribasso.

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 04 gen - Wall Street ha subito ingranato la marcia in avvio e ha incoraggiato gli ordini in acquisto sulle Borse europee.

Ad appena quattro giorni da inizio anno il Dow Jones segna un nuovo record storico superando anche la soglia dei 25mila punti.

La progressione del Nikkei dal 1990 ad oggi
La progressione del Nikkei dal 1990 ad oggi

Sui mercati prevale l'ottimismo sulle prospettive di accelerazione della crescita economica a livello globale. In testa Ubi, in rialzo del 4,97%, Unicredit +3,42%, Banca Generali +2,53%, Banco Bpm +2,86%, Banca Carige +1,27%. Bene anche gli altri titoli della scuderia Agnelli: Exor +6,86%, Ferrari +4,17% e Cnh Industrial +3,11%. La speculazione continua a sostenere il titolo in vista di operazioni straordinarie, a partire dallo spin-off di Magneti Marelli.

Per quel che riguarda invece il settore delle criptovalute, il Bitcoin nella sessione odierna è balzato di oltre 10 punti percentuali, in area 15.000 contro il dollaro, dopo che il Wall Street Journal ha riportato le indiscrezioni secondo cui la società di venture capital Founders Fund avrebbe comprato la criptovaluta per un controvalore compreso tra i 15 ed i 20 milioni di dollari. "Pensiamo che questo evento possa sostenere ulteriormente l'equity story e la visibilità sulle crescite future", rimarca Equita sim che ha rating buy su Moncler con target price a 26,7 euro e si aspetta un newsflow positivo sui numeri 2017 a dispetto dei timori relativi alla difficile base di confronto e dello slittamento di un paio di aperture di negozi dal quarto trimestre 2017 al primo del 2018.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.