Toyota toglie il diesel dal mercato e punta sull'ibrido

Share

Toyota toglie il diesel dal mercato e punta sull'ibrido

Alle già "epurate" dall'alimentazione che tanti scandali ha scatenato in tempi recenti, ovvero Aygo, C-HR e Prius Family si sono ora aggiunte Yaris, Auris e RAV4.

La scelta Toyota si inserisce nel suo programma di elettrificazione, che ha l'obbiettivo quello di ridurre notevolmente l'impatto di polveri sottili ed NOx sull'ambiente. A parte la tascabile Aygo, gli altri modelli disponibili anche in versione ibrida.

Toyota porta avanti l'obiettivo, entro il 2030, di vendere oltre 5,5 milioni di vetture elettrificate all'anno, incluso 1 milione di veicoli a zero emissioni.

Toyota annuncia l'addio definitivo al diesel, a partire da gennaio 2018.

Un risultato a medio termine che rientra nel più ampio Environmental Challenge 2050, la sfida di Toyota che mira a ridurre l'impatto che proviene dalla produzione e circolazione delle auto, puntando alla piena sostenibilità dell'intero ciclo di vita di una vettura.

Diesel Free: Toyota elimina l'offerta a gasolio dalla gamma "pasenger car" a cominciare dal primo gennaio.

Accanto alle motorizzazioni ibride, sui segmenti delle piccole e delle compatte resteranno disponibili anche i tradizionali propulsori a benzina.

Il gasolio non è sparito del tutto dalla gamma Toyota: rimangono infatti i fuoristrada Hilux e Land Cruiser e i mezzi commerciali Proace e Proace Verso.

L'anno dell'ibrido. L'annata 2017 è stata molto positiva per il segmento ibrido, che ha fatto registrare un corposo aumento delle immatricolazioni del 71% raggiungendo una quota di mercato pari al 3,4%.

Bene anche il brand Lexus, precursore della strategia Full Hybrid in Italia, il quale conferma la propria strategia 100% Self Charging Hybrid. Il 2017 si è chiuso anche per Lexus con il risultato di oltre 4000 unità vendute, record assoluto di vendite annue in Italia.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.