Reddito di inclusione. Nessuna domanda da Puglia e Trento

Share

Reddito di inclusione. Nessuna domanda da Puglia e Trento

Nella graduatoria regionale segue la Sicilia con 16.366 (21,4%) e la Calabria con 10.606 richieste, pari al 14% delle domande pervenute. Molto staccae Lombardia e Lazio con una richiesta di poco superiore alle 5000 domande. Da Bolzano, infine, le richieste arrivate sono solamente 8.

Oltre 75 mila sono le domande del Reddito di inclusione contro la povertà, pervenute all'Inps dal 1° dicembre al 2 gennaio; due su tre sono famiglie residenti nelle regioni del Mezzogiorno. Nei prossimi mesi sarà possibile fare dalle statistiche e si attendono le elezioni politiche 2018 con la speranza che il governo attui delle misure per favorire l'occupazione, perché il reddito di inclusione deve rimanere solo una misura straordinaria.

E' partita una caccia serrata al Rei, il Reddito d'Inclusione. Ne ha diritto chi si trova in difficoltà economiche, con un indice Isee inferiore ai 6mila euro, bassi patrimoni e presenza all'interno del nucleo familiare di un minorenne, oppure di over 55enne disoccupato, di una persona con disabilità o di una donna in stato di gravidanza. Dal 1° dicembre ad oggi sono state fatte circa 70mila domande, un chiaro segnale del fatto che il provvedimento era atteso da moltissimi italiani che stentano ad arrivare a fine mese. Ma questo è sufficiente per quelle maggiormente in difficoltà?

Il contributo economico mensile - che va da un minimo di 187,5 euro a un massimo di 485,4 euro al mese fino ad un massimo di 18 mesi - verrà erogato con una speciale carta di pagamento elettronica.

Intanto sarà avviata a partire da metà gennaio anche la formazione congiunta dei funzionari comunali, degli operatori presso gli sportelli INPS territoriali e degli operatori CAF e Patronato, per fornire la più utile e corretta informazione ai cittadini sulle effettive condizioni di erogazione del ReI nazionale, rispetto a cui in molti a livello nazionale e regionale hanno lamentato scarsa chiarezza.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.