Paola Perego torna in tv: il 2017? "Un anno doloroso"

Share

Paola Perego torna in tv: il 2017?

E, infine, una confidenza sugli anni che passano: "Se impazzissi potrei ancora andare a Barcellona e fare un figlio, le porte che si chiudono definitivamente invece mi fanno paura come il corpo che non risponde più".

Confesso che un bambino fra le braccia lo vorrei. Io e Lucio saremo dei nonni pazzeschi. Paola parla del suo futuro professionale: "Il nuovo dg Mario Orfeo mi ha convocata e mi ha proposto un contratto biennale con progetti belli, per cui non c'era motivo di proseguire quella lite". Lui è un noto agente di molti personaggi dello spettacolo. "Riesce a prevedere in anticipo quello che potrebbe accadere". Un grande ritorno per la popolare conduttrice su ' RaiUno': dopo la polemica e la chiusura di 'Parliamone Sabato', la popolare conduttrice è pronta a lasciarsi tutto alle spalle e ripartire con una trasmissione molto particolare. "Non è mica un mago! - ha risposto la Perego -". Almeno è servito per dimostrare che non sono affatto raccomandata come dicono... "Terrorizzata? È normale che lo sia, ma ora che sto facendo le prove, che è arrivato il momento di andare in onda, la paura la metto da parte". Di notte ho gli incubi, ho molta paura, una paura irrazionale.

LA FORMULA DEL PROGRAMMA Un'altissima percentuale di 'cervelloni' in studio: ci saranno ospiti speciali e concorrenti dotati di quozienti intellettivi fuori dal comune pronti a sfidarsi in abilità impossibili per dei normodotati. "Poi, passati i primi 5 minuti, mi è tornato l'entusiasmo di sempre e la voglia di fare questo mestiere". "A dispetto di quel che si può credere, sono una persona estremamente semplice, ho mantenuto intatti valori e abitudini...", ha aggiunto, spiegando come abbia iniziato a lavorare a partire da quando era appena una ragazzina, a 16 anni. Così la conduttrice definisce la sua nuova avventura in prima serata su Rai1 dal 12 gennaio con "Superbrain - Le supermenti" (già da lei condotto tra il 2012 e il 2013), che vede protagoniste persone con capacità mentali straordinarie che si sfidano tra loro.

La presentatrice ha ritrovato l´entusiasmo, ma ha anche ammesso di essere ancora fortemente provata da ciò che le è accaduto: "Sono andata alla registrazione della prima puntata di 'Superbrain' in uno stato drammatico", ha spiegato. "Perché io non sono brava a fingere".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.