Milan, Montolivo: "Fiduciosi per il 2018, vogliamo fare bene nelle due Coppe"

Share

Milan, Montolivo:

Riccardo Montolivo ha voluto specificare come nel Milan non esistano più anime, uno storica e una costruita dal mercato estivo come suggeriscono i giornali. Soprattutto nell'ultimo periodo di tempo la squadra sta trovando la propria anima e un'unità insperata a inizio stagione.

Il centrocampista rossonero si è anche soffermato sul clima che si respira a Milanello: "Tutti stiamo rendendo meno di quello che possiamo". Non mi va di fare distinzioni tra vecchi e nuovi, questo e' stato un argomento usato all'esterno, ma prima la smettiamo di ragionare in questi termini meglio e' per tutti. Questo è un atteggiamento che un grande allenatore deve avere e lui ce l'ha. Ora viene il difficile, quando tutti si aspettano qualcosa di più da te e non devi smettere di lavorare e migliorarti. Lo spogliatoio e' stato unito e sano sin da subito perche' e' composto da persone perbene. Sarà una gara complicata, ma Riccardo Montolivo si augura di poter andare più lontano possibile in questa competizione: "Dal punto di vista personale è un momento positivo". Dopo un momento di difficoltà, sto ritrovando il mio spazio. Cambio di modulo? Sono state decisioni prese per cercare un'identità che non riuscivamo a trovare. "La società voleva identificare il capitano con un nuovo acquisto, per dare un'immagine nuova". Sulla fascia di capitano: "Credo che non averla abbia levato dei pregiudizi nei miei confronti". Un problema determinato da alcune scelte dell'ex tecnico Montella: "Credo che il cambio modulo dopo la sconfitta con la Lazio abbia portato difficoltà maggiori anche perché avevamo svolto tutto il ritiro in un certo modo e poi a metà settembre ci siamo trovati a cambiare completamente modo di giocare. Sono stato visto con occhi diversi". "Ci è mancata la terra sotto i piedi, così abbiamo perso fiducia ed ulteriore tempo, per imparare nuovi movimenti da eseguire in campo".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.