Milan, inchiesta sulla vendita: "Nessun procedimento penale"

Share

Il quotidiano torinese La Stampa, ha titolato nell'edizione odierna: "Bufera Milan, inchiesta sulla vendita".

Anche il Secolo XIX ha scritto di "Nuova tegola giudiziaria sulla campagna di Berlusconi". A fugare queste voci è stato il procuratore capo della Repubblica di Milano Francesco Greco ai microfoni di Calcio e Finanza: Francesco Greco: "Allo stato non esistono procedimenti penali sulla compravendita dell' A.C. Milan". "Se un fascicolo esistesse lo avresi assegnato al nuovo dipartimento del dotto De Pasquale e ne sarei quindi informato". Secondo i due quotidiani, la procura avrebbe avviato l'indagine dopo aver constatato che la vendita del Milan sarebbe avvenuta a un prezzo di almeno 300 milioni di euro (su 720) superiore al reale valore della società.

I sospetti, come detto in precedenza, sulla vendita del Milan a Yonghong Li non sono nuovi, tant'è che l'avvocato di Berlusconi, Niccolò Ghedini, tempo fa aveva consegnato alla procura di Milano tutta una serie di documenti che potessero accertare la regolarità della vendita del Milan, nello specifico la legittima provenienza dei fondi. "Da dove sia partita la svolta, al momento non è ancora chiaro" - si precisa - "una traccia, si deduce, che risalirebbe ai reali flussi di denaro partiti da Hong Kong".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.