La bufala del nipote di Laura Boldrini assunto a Palazzo Chigi

Share

La bufala del nipote di Laura Boldrini assunto a Palazzo Chigi

Io sono per l'unità ma si deve partire dalla volontà di cambiare rotta. Ho ho seguito con interesse il tentativo di Pisapia.

"Io non sono affatto contenta delle divisioni nel centrosinistra, ma se il Pd non si rende conto dell'allontanamento dell'elettorato è un problema", ha detto alla trasmissione di Radio Capital Circo Massimo l'esponente di LeU e presidente della Camera, Laura Boldrini. "Non si è trovato un terreno comune". Da tempo la Presidente della Camera ha deciso di denunciare le offese, cercando di rompere il muro dell'anonimato della rete, per cui i cosiddetti "leoni da tastiera" credono che online tutto sia lecito, anche offendere, minacciare e denigrare senza alcuna conseguenza.

"L'auspicio è che si vada sul merito e sui programmi e sul merito ci siano i punti di convergenza" ha sottolineato ricordando che "oggi ci saranno le assemblee dei delegati di Leu della Lombardia e del Lazio: vediamo cosa i delegati vogliono fare perché chi decide a livello nazionale non può bypassarli".

Troppi errori avrebbe commesso il Partito Democratico negli ultimi anni, secondo Boldrini: "Non si fugge dalle guerre, non si fugge più".

In questo campo è da sempre attiva la Polizia Postale, ancora di più ora che siamo in campagna elettorale, momento in cui "assistiamo ad un'impennata nella diffusione di fake news via internet e social network", si legge nel post della Polizia. "Ci sono meno sbarchi perché le persone sono trattenute nei centri di detenzione in Libia", spiega la presidente della Camera, contestando le politiche del ministro dell'Interno Marco Minniti. Chi entra irregolarmente non può restare sul territorio.

Boldrini dice la sua anche sui famosi 80 euro voluti dal governo presieduto da Matteo Renzi."Io penso - dice - che gli italiani abbiano gradito quel provvedimento".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.