Cile, attaccate alcune chiese a Santiago contro il Papa


Cile, attaccate alcune chiese a Santiago contro il Papa

Share

Cile, attaccate alcune chiese a Santiago contro il Papa

Papa Francesco nel mirino.

Il governo ha annunciato che farà causa a tutti i responsabili degli attacchi. Lo inviterò ad intervenire presso questi responsabili pubblici con tanto di sigillo della Segreteria di Stato Vaticana se non in forza della sua veste spirituale.

"Nessun attacco terroristico, piuttosto atti di vandalismo compiuti per attirare l'attenzione". È fermissima la condanna alle violenze dettata dalla presidente cilena Michelle Bachelet, tra i principali obiettivi dei manifestanti che protestano contro il potere statale: "Quanto accaduto è molto strano perché non è qualcosa che si può attribuire a un gruppo specifico". "Sono opera di piccoli gruppi che agiscono, non soltanto contro la Chiesa ma in occasioni di altri eventi importanti organizzati da ambasciate o istituzioni pubbliche". Proteste violente. Lanciano bottiglie incendiarie o panni imbevuti di benzina per appiccare il fuoco.

E in mattinata, un gruppo di manifestanti, capeggiati da Roxana Miranda, ex candidata presidenziale, ha occupato la sede della nunziatura apostolica di Santiago per protestare contro la visita del Papa. Mezz'ora dopo, un nuovo messaggio informava che i manifestanti sono ora detenuti in un ufficio dei carabinieri cileni nel quartiere di Providencia, insieme allo slogan "i soldi del fisco se li porta via Francisco". Il commento giunto dall'arcidiocesi di Santiago prova a non fomentare ancora più polemiche di quanto già avvenuto finora: "Ci addolorano profondamente questi fatti, che contraddicono lo spirito di pace che anima la visita del Papa al Paese". Noi sappiamo che l'amore di Cristo supera tutto e arriva a tutti e siamo animati da una grandissima speranza e da una grandissima fiducia.

"È difficile per gli argentini accettare questo fatto, ma dobbiamo avere fiducia che appena potrà verrà in Argentina, avremo la sua presenza e la sua parola", ha detto Oesterheld.

"Il Papa conosce i momenti e le possibilità. Il suo contributo alla realtà del nostro Paese deve essere trovato nel suo insegnamento abbondante e nei suoi atteggiamenti di pastore, non in interpretazioni tendenziose e parziali che non fanno che allargare la divisione tra gli argentini".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.