Chiellini: "Obiettivo settimo scudetto. La Champions? Non è irrealizzabile"

Share

Chiellini:

Intervistato in esclusiva dai microfoni di PremiumSport, Giorgio Chiellini - leader difensivo della Juventus - ha tracciato un bilancio del 2017, focalizzando l'attenzione sulle speranze e sugli obiettivi del 2018 appena iniziato. Ecco le dichiarazioni del difensore della Juventus e della Nazionale. Dobbiamo ricordarlo positivamente, siamo stati la seconda squadra più forte del mondo, andando vicini a qualcosa che sogniamo e che aspettiamo da tanti anni. "Ogni stagione è sempre più difficile confermarsi, però dimostriamo di esserci partita dopo partita".

"La Champions non deve essere un'ossessione per noi ma un obiettivo realistico che questa società può raggiungere come testimonia il percorso degli ultimi anni. Senza caricarla eccessivamente e senza concentrarci unicamente su un torneo". La nostra base è la quotidianità: "prima degli ottavi con il Tottenham ci sono tante gare a cominciare dal derby di mercoledì, una sfida difficile e affascinante".

"Sfida a due con gli azzurri di Sarri?" Siamo soltanto alla fine dell'andata. E' stata una settimana particolare: nessuno pensava che si potesse allungare così in fretta la classifica. No, ancora no, vediamo le prossime partite: gli scontri diretti permettono sempre di rientrare e qualche passo falso può capitare. Abbiamo le potenzialità e una rosa che può arrivare in fondo a tutte le competizioni. Oggi quella continuità l'ha trovata anche grazie allo slancio emotivo della qualificazione del Marocco ai mondiali: per loro è stato un traguardo straordinario, lui è stato artefice di questa conquista. E' un leitmotiv di questa stagione, prima è toccato a Higuain, poi a Paulo. La verità è che in attacco abbiamo tanti giocatori bravi e qualcuno deve star fuori. Bisogna saper accettare la panchina e la riposta più bella la dà sempre il campo. Che in casa Juve son sempre gli stessi: vincere tutto. "Credo sia un caso il fatto che domenica fossi l'unico italiano in campo: la Juve ha recentemente acquistato due grandi giocatori italiani, De Sciglio e Bernardeschi, che sono un investimento per il futuro: la società vuole continuare la sua tradizione italiana".

"Adesso c'era un periodo molto serrato di partite importanti, dopo la sosta ci troveremo e ne parleremo con grande serenità".

"Smaltita la delusione Mondiale?" Quindi tutte quelle partite che vengono considerate abbordabili, ma come abbiamo dimostrato sabato se non la affronti con il piglio giusto rischi di lasciare punti per strada in un campionato dove la differenza fra le grandi e le piccole è aumentata rispetto al passato. "Quando capita quel tempo la delusione rimane e sarà ancora peggio nei mesi estivi".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.