C'è Mattarella a Librino

Share

C'è Mattarella a Librino

Librino blindata per la visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Non lontano dalla struttura l'11 gennaio è andata distrutta in un incendio doloso la "Club house" della società di rugby "I Briganti", che è anche luogo di aggregazione giovanile. "Siete un punto di riferimento importante per i giovani del quartiere - gli ha detto - massima solidarieta'". Il Capo dello Stato ha anche incontrato Piero Mancuso, rappresentante di Briganti di Librino. Al suo fianco il sindaco di Enzo Bianco, il governatore Nello Musumeci e il presidente dell'Assemblea regionale siciliana Gianfranco Miccichè. Mattarella si è soffermato a parlare con la 'maestra' dell'orchestra. A seguire la consegna dell'area destinata agli orti urbani, simbolo di una Librino che vuole rinascere e che intende conquistare spazi di vita e di bellezza.

Riflettori puntati, quindi, su una delle "terre dimenticate da Dio" del capoluogo etneo dove da, questa mattina, gran parte delle forze dell'ordine si sono concentrate.

Il momento istituzionale sarà quello della cerimonia di intitolazione di uno dei viali del quartiere allo scomparso Presidente Carlo Azeglio Ciampi, previsto alle ore 16, nella rotonda che unisce il viale Moncada con quello che sarà dedicato allo scomparso Presidente (ex circonvallazione ovest).

Ultime due tappe del Presidente sono la biblioteca Civica Ursino Recupero, che si trova all'ex monastero dei Benedettini e l'ultima visita al Teatro Massimo "Vincenzo Bellini", per assistere all'inaugurazione della stagione lirica. "'La città dei bambini' è un testo che parla di una città ideale per i bambini ma in realtà desiderata da tutti". Ad accogliere Sergio Mattarella anche gli studenti delle scuole di Librino che hanno suonato in onore del Presidente. L'incontro è avvenuto durante la visita del Capo dello Stato agli Orti urbani del popoloso rione Librino di Catania. In questa rivalutazione s'inserisce autorevolmente il Teatro Bellini con una nuova produzione che vede un maestro del calibro di Gianluigi Gelmetti nella doppia veste di direttore e regista. "Vigiliamo con attenzione perchè i tempi siamo rispettati e se possibile accelerati".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.