Scioglimento delle Camere, Gentiloni salirà al Colle

Share

Scioglimento delle Camere, Gentiloni salirà al Colle

In prima fila il presidente della commissione Diritti umani del Senato, il politico sassarese Luigi Manconi: "Ma chi l'ha detto, che si debba votare il 4 marzo?".

A poco più di un anno dal suo insediamento, Gentiloni traccerà nella conferenza stampa di fine anno il bilancio finale del suo mandato. Con questo messaggio pubblicato su Twitter, il presidente del consiglio Paolo Gentiloni ricorda l'anniversario della promulgazione della Carta Costituzionale.

Esaurita la procedura, Mattarella provvederà quindi al decreto di scioglimento del Parlamento che dovrà essere controfirmato da Gentiloni stesso. Al termine, il Presidente della Repubblica potrebbe sciogliere le Camere e mettere fine alla XVII legislatura. Ogni ulteriore diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. Nella tappa successiva, a Palazzo Chigi si riunirà il Consiglio dei Ministri. Restio alla stampa e ai proclami, Gentiloni risponderà alle varie domande anche scomode che arriveranno - su tutti, Ius Soli e legge elettorale - ma resterà da capire se e come il Partito Democratico vorrà puntare effettivamente su un Renzi in costante calo di consensi e non piuttosto sul leader finora più stimato in Italia. La sinistra del Pd, infatti, ha chiesto di prolungare la legislatura e di aspettare fino al prossimo gennaio per procedere con lo scioglimento delle Camere.

L'ultimo appello riguardante il tema dello Ius Soli arriva da Cuperlo, che attraverso una nota ripropone con forza questo argomento. E oggi dovrebbe essere il giorno cruciale. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, durante la conferenza stampa di fine anno con l'Associazione Stampa Parlamentare.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.