Ritirato il mandato d'arresto europeo per Puigdemont

Share

Ritirato il mandato d'arresto europeo per Puigdemont

Il giudice Pablo Llarena del Tribunale Supremo spagnolo ha ritirato il mandato d'arresto europeo nei confronti dell'ex presidente della Catalogna Carles Puigdemont e dei suoi quattro ministri che si trovano con lui in Belgio. Un'udienza che a questo punto non sarà più necessaria.

In pratica, il magistrato vuole evitare che la giustizia belga decida i capi di imputazione per i quali Puigdemont e gli altri ex consiglieri devono essere indagati. In base a questo verranno decisi i prossimi passi giudiziari.

In un comunicato diffuso dal tribunale supremo, il giudice Llarena spiega che la richiesta di ritirare i mandati emessi il 3 novembre scorso dal giudice dell'Audiencia nacional, Carme Lamela, si giustifica con il fatto che si sta investigando un reato "di natura plurisoggettiva, dotato di unità giuridica inseparabile, il che richiede un'unica contestazione per evitare risposte contraddittorie". In vista delle elezioni del 21 dicembre si tratta di un passaggio di rilievo per stemperare le tensioni a Barcellona.

Lo riporta il quotidiano spagnolo El País, che sottolinea come tale cambio di rotta fosse inaspettato.

La decisione, secondo una dichiarazione delle Corte, segue la volontà espressa da Puigdemont e dai suoi ministri (Antonio Comín, Lluís Puig, Meritxell Serret e Clara Ponsatí) di tornare in Spagna per le elezioni catalane del 21 dicembre. Sarebbero quindi immediatamente arrestati se vi facessero ritorno.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.