Lavoro, record di dipendenti a termine: 2,8 mln

Share

Lavoro, record di dipendenti a termine: 2,8 mln

Il tasso di occupazione sale al 58,1% (+0,2 punti percentuali); l'incremento è più accentuato per i 15-34enni (+0,3 punti) in confronto ai 50-64enni e ai 35-49enni (+0,2 e +0,1 punti, rispettivamente). "L'occupazione stimata dall'indagine sulle forze di lavoro, al netto degli effetti stagionali, è pari a 23,074 milioni di persone, in aumento di 79mila unità (+0,3%) rispetto al trimestre precedente", afferma l'Istat. Dal 1992, anno in cui l'Istat ha iniziato a rilevare i dati, questo è il dato più alto mai registrato degli occupati a tempo determinato. La disoccupazione è rimasta stabile all'11,2% come il trimestre precedente ed è diminuita di 0,4 punti rispetto all'anno precedente. Quindi si è toccato il valore più alto negli ultimi ventiquattro anni. Per quanto riguarda il lavoro a tempo indeterminato il tasso di occupati è rimasto invariato rispetto al trimestre precedente.

L'occupazione continua la sua crescita: nel terzo trimestre le persone a lavoro aumentano rispetto al trimestre precedente di 79 mila unità (+0,3%) che su base annua diventano 303 mila (+1,3%).

Inoltre, i dipendenti a termine sono cresciuti di 342mila unità, mentre quelli a tempo indeterminato sono aumentati di più di sessantamila unità. La crescita degli occupati è pari a 303 mila unità, risultato di una crescita di 402 mila occupati tra i dipendenti e di una flessione di 99 mila tra gli indipendenti.

Crescita dell'occupazione, stabilità della disoccupazione e diminuzione dell'inattività. Tuttavia il numero assoluto resta ancora elevato, pari a 1 milione 651 mila, soprattutto tra le donne: le 'sfiduciatè sono oltre un milione. Lo ha affermato Carmelo Barbagallo, segretario generale della Uil, parlando a margine dell'iniziativa "Quaderni del lavoro" della Uil Toscana a Firenze. Si tratterebbe invece di una normale trasformazione del mercato del lavoro, secondo Titti di Salvo del Pd: "Per il secondo trimestre consecutivo diminuisce la disoccupazione, diminuiscono gli inattivi e cresce l'occupazione, in particolare tra i giovani, segnando una tendenza che va a consolidarsi". Un record storico soprattutto per i dipendenti a tempo terminato, cioè con contratto a termine.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.