Casa all'asta, 50enne si taglia le vene in tribunale

Share

Casa all'asta, 50enne si taglia le vene in tribunale

Ha tentato il suicidio tagliandosi levene al tribunale civile di Siena al momento in cui è giuntaun'offerta di acquisto per la sua casa finita all'astagiudiziaria per l'insolvenza di un mutuo. La disabile è un'imprenditrice che 7 anni rimase coinvolta in un brutto incidente sul lavoro.

Così si è tagliata le vene, in tribunale a Siena per protestare contro la decisione che aveva portato a mettere all'asta la sua casa. Una storia che dura da tempo e per la quale Sandra Pelosi, la protagonista della storia, è arrivata a un gesto di dimostrazione estremo. La banca, in assenza dei pagamenti ha proceduto per le vie giudiziarie e questa mattina l'abitazione è finita all'asta, trovando qualcuno interessato al suo acquisto. Subito soccorsa e trasferita all'ospedale Santa Maria alle Scotte, la donna, cinquantenne, non sarebbe in pericolo di vita.

L'imprenditrice ha affermato nelle ultime ore di essersi sentita 'defraudata di tutto quello che avevo'. "Non è giusto - conclude - mi hanno ridotto in condizioni disperate". "Tutti noi presenti all'esterno del Palazzo di Giustizia, con una nutrita rappresentanza di iscritti e simpatizzanti leghisti - prosegue l'esponente politico - siamo rimasti costernati da quanto successo ed immediatamente, oggi stesso, produrremo un atto consiliare urgente alfine di chiedere il massimo supporto da parte della Regione nei confronti di una nostra corregionale che sta vivendo un terribile dramma umano, purtroppo freddamente gestito da parte di chi dovrebbe, viceversa, salvaguardare i diritti dei cittadini".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.