Bullismo a Lecce, due ragazzini violentano e filmano un quindicenne: arrestati

Share

Bullismo a Lecce, due ragazzini violentano e filmano un quindicenne: arrestati

Il provvedimento nei confronti dei due minorenni è stato emesso dal gip dello specifico tribunale di Lecce, Aristodemo Ingusci, su richiesta del sostituto procuratore del capoluogo pugliese, Imerio Tramis. L'episodio è avvenuto la mattina del 21 novembre scorso, quando la vittima, che vive vicino a Nardò, si stava recando a scuola.

Hanno chiuso un coetaneo in un bagno pubblico e lo hanno costretto a compiere atti di autoerotismo mentre lo riprendevano con uno smartphone. Inoltre avrebbero obbligato il ragazzo a consegnare il giubbotto e le scarpe, per riavere i quali avrebbe dovuto pagare 10 euro a pezzo. Gli agenti hanno rintracciato i responsabili, due ragazzi di 15 e 17 anni, che dovranno rispondere di sequestro di persona, violenza sessuale, pornografia minorile e tentata estorsione in pregiudizio.

Il filmato è arrivato anche ad un amico della vittima, il quale si è recato dalla madre di quest'ultima, mostrandole il filmato. Il ragazzino, accortosi che si trattava del suo amico, è andato dalla madredel ragazzo mostrandogli quanto era accaduto al figlio. L'episodio è stato commentato, in una nota, dal sindaco di Nardò, Pippi Mellone, che ha detto di essere "dispiaciuto e preoccupato dallo scenario emerso" e ha rivelato che i due giovani arrestati erano già seguiti dai Servizi sociali e che già in passato erano stati destinatari di azioni di sostegno e recupero. Per uno di loro, proprio in questi giorni, era stato deciso l'inserimento in una comunità protetta.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.