Ausilio: "Icardi si sente capitano dell'Inter. A gennaio faremo poco"

Share

Piero Ausilio, direttore sportivo dell'Inter, ospite alla Domenica Sportiva, ha parlato del primato in classifica dei nerazzurri, conquistato quest'oggi con la vittoria sul Chievo Verona. Davanti tutti corrono e in due settimane può cambiare tutto e le valutazioni che oggi sono positive trasformarsi in negative. Sapere che non si dipende da un solo calciatore vuol dire che si è cresciuti. Il mister in settimana ha sfruttato l'assenza di Gagliardini e Miranda per lanciare un messaggio: "giocheranno comunque i titolari". "Non penso che in questo momento ci sia bisogno di convincere Icardi a legarsi ulteriormente all'Inter".

Perisic? "Se non faceva gol in quell'occasione lo picchiavano visto che ce n'erano due liberi..." La nostra forza è il gruppo e a gennaio non abbiamo tutta questa voglia di fare chissà cosa sul mercato. Questo è un gran gruppo al di là di quello che sarà il risultato finale.

FUTURO - "In futuro l'Inter dovrà tornare in Champions League, quest'anno lo prendiamo come anno di lavoro, abbiamo l'obiettivo del campionato, ma l'anno prossimo dobbiamo assolutamente giocare ogni tre giorni". Siamo una squadra completa. Oggi ha giocato Ranocchia dopo quasi un anno dall'ultima partita titolare ed ha dimostrato le sue grandi qualità. Più che il contratto conta lo star bene, l'essere capitano dell'Inter.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.