Vaccini: la Corte Costituzionale respinge il ricorso della Regione Veneto

Share

Vaccini: la Corte Costituzionale respinge il ricorso della Regione Veneto

Secondo i giudici costituzionali, le misure adottate rappresentano una scelta spettante al legislatore nazionale. Questa scelta non è irragionevole, poichè volta a tutelare la salute individuale e collettiva e fondata sul dovere di solidarietà nel prevenire e limitare la diffusione di alcune malattie'. Lo ha deciso al termine della camera di consiglio, rimarcando che il passaggio da una strategia basata sulla persuasione a un sistema di obbligatorietà dei vaccini si giustifica alla luce del contesto attuale caratterizzato da un progressivo calo delle coperture vaccinali. La Regione Veneto ha infatti impugnato di fronte alla Corte Costituzionale, con due distinti ricorsi, le disposizioni in materia di prevenzione vaccinale introdotte dal decreto Lorenzin. E inoltre che in base alla legge la mancata vaccinazione non comporta l'esclusione dalla scuola dell'obbligo dei minori, che saranno di norma inseriti in classi in cui gli altri alunni sono vaccinati.

"E' stato altresì considerato - si legge ancora nella nota diramata da Palazzo della Consulta - che la legge di conversione ha modificato il decreto legge riducendo sensibilmente le sanzioni amministrative pecuniarie e prevedendo che, in ogni caso, debbano essere precedute dall'incontro tra le famiglie e le autorità sanitarie allo scopo di favorire un'adesione consapevole e informata al programma vaccinale". Il Veneto non può entrare nelle scelte di politica sanitaria dello Stato. "Il decreto non ha imposto nuove organizzazioni o nuovi servizi, l'attività vaccinale era già prevista in tutte le Regioni".

Non viola i principi costituzionali il decreto, varato dal Governo la scorsa estate, sull'obbligatorietà dei vaccini.

A esporre la causa come relatrice nell'udienza pubblica della Consulta è stata la giudice costituzionale Marta Cartabia. In particolare i giudici hanno escluso l'Amev - associazione malati Emotrasfusi e vaccinati, il Codacons, Articolo 32, associazione italiana diritti del malato e Aggregazione veneta.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.