Sassuolo-Milan 0-2 : Montella salva la panchina

Share

Sassuolo-Milan 0-2 : Montella salva la panchina

Stasera siamo partiti con grande impegno - sottolinea il tecnico concentrandosi sul match -, provando a pressare alto anche se non sempre ci siamo riusciti.

L'allenatore del Milan ammette di credere al quarto posto, obiettivo minimo di inizio stagione: "Credo in questa squadra, credo nel nostro cammino e credo che queste cose si possano capovolgere, oggi abbiamo rosicchiato qualcosina". Scontri diretti? Dopo il Napoli abbiamo un cammino alla nostra portata se mettiamo in campo i valori di questa sera, poi ci sono gli scontri diretti del girone di ritorno che possano essere capovolti. "Mi spiace per chi mi sta vicino perchè soffre". Alla minima difficoltà abbiamo perso sicurezza e questo non mi è piaciuto. Impercorribili anche le piste che portano a Blanc, Mazzarri e soprattutto Luis Enrique, inarrivabile.

Kalinic ha ancora una volta le polveri bagnate, pur essendo parzialmente giustificato dal fatto che, effettivamente, non gli arrivano molti palloni pericolosi in area e la maggior parte del lavoro lo svolge fuori dai sedici metri di sponda o di costruzione del gioco. Gattuso è un amico e un ragazzo leale, è stato tirato in mezzo. Stiamo lavorando e si vede. E' il sogno di tutti capire chi ti vuole bene e chi no e io l'ho visto e capito. "Le abbiamo incontrate tutte, poi abbiamo un cammino alla nostra portata". Per un motivo o per un altro commettiamo degli errori stupidi e, in questa categoria, si pagano. A questo punto o si confermi Montella fino a giugno o lo si esoneri subito, approfittando della sosta, perchè è anche difficile lavorare nell'ambiente di sfiducia che si è creato. La squadra adesso si riconosce un po' di più ed è destinata a crescere: una squadra con tanta qualità non l'ho mai allenata. "Le parole della società mi hanno sempre fatto piacere e sono sempre state seguite dai fatti".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.