Più zucchero meno nocciole: cambia la ricetta della Nutella

Share

Più zucchero meno nocciole: cambia la ricetta della Nutella

Ferrero, dal canto suo, avrebbe confermato le variazioni della ricetta, specificando però che si tratta di un semplice aggiustamento di routine e che la qualità e le altre caratteristiche del prodotto rimangono invariate. Quel che appare certo, al momento, è che la Nutella ad oggi è la crema spalmabile più diffusa al mondo, e probabilmente sull'argomento si tornerà anche in futuro.

La percentuale di latte scremato in polvere e quella di zuccheri sono aumentate, passando rispettivamente dal 7,5 all'8,7 per cento e dal 55,9 al 56,3 per cento; quella di grassi è diminuita, passando dal 31,8 al 30,9 per cento.

Nonostante le rassicurazioni, il gruppo di consumatori tedeschi che ha fatto la scoperta ipotizza che dietro la scelta del produttore ci sia la volontà ridurre i costi di produzione per generare un maggiore profitto, aumentando il contenuto di zucchero e latte in polvere, e diminuendo quello di nocciole e cacao, considerati ingredienti più costosi alla base della ricetta. E dalla società di Alba si affrettano a dire che nulla a livello di gusto cambierà, in rete monta la protesta. Ferrero stessa dall'Italia ha dovuto ammettere che le proporzioni nella ricetta sono leggermente cambiate.

"Visto che il colore della nuova Nutella è più chiaro, stiamo lavorando sul presupposto che il latte scremato in polvere è stato aggiunto a spese del cacao".

Ma è proprio la Nutella che in questi ultimi giorni è finita al centro di una polemica scatenata dalle rivelazioni di un'associazione dei consumatori in Germania, che ha rivelato qualcosa di inaspettato. La Commissione europea ha dichiarato che a settembre prossimo darà agli Stati membri un milione di euro per contribuire a migliorare i test di comparazione dei prodotti per individuare le differenze di qualità.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.