Parte il reddito d'inclusione, al via dal 1 dicembre

Share

Parte il reddito d'inclusione, al via dal 1 dicembre

Il diritto al reddito di inclusione sorge in presenza di quattro requisiti: 1) l'ISEE del nucleo familiare risulti non superiore a 6.000 euro; 2) l'ISR, la componente reddituale dell'ISEE, non risulti superiore a 3mila euro; 3) il valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superi i 20.000 euro; 4) il valore del patrimonio mobiliare, non superi una soglia di euro 6.000, accresciuta di euro 2.000 per ogni componente il nucleo familiare successivo al primo componente, fino ad un massimo di euro 10.000. Nelle more della pubblicazione della Circolare INPS che illustrerà le caratteristiche della misura e che conterrà anche il modulo di domanda, l'Istituto ha fornito le specifiche tecniche per la trasmissione telematica delle domande da parte degli Enti preposti in tre allegati al messaggio 4636 del 21 Novembre 2017.

REQUISITI: Per avere accesso al Rei bisogna essere cittadino comunitario o extracomunitario con permesso di lungo soggiorno ma è necessario anche risiedere in via continuativa in Italia da almeno due anni al momento di presentazione della domanda. Sara' necessario che trascorrano almeno 6 mesi dall'ultima erogazione prima di poterlo richiedere di nuovo (per un massimo di altri 12 mesi).

493.000.000 FAMIGLIE COINVOLTE: In prima battuta le famiglie coinvolte saranno quasi 500.000 per circa 1,8 milioni di persone complessive. Per questa misura nell'anno sono stati stanziati nella legge di Bilancio all'esame del Parlamento due miliardi. Una circolare Inps spiega che dal primo dicembre sarà possibile fare la domanda per la nuova misura di sostegno al reddito delle famiglie in condizioni economiche svantaggiate. La famiglia beneficiaria del ReI deve attenersi al progetto personalizzato a pena di decurtazione o decadenza dalla prestazione (a seconda di quante volte non ci si presenti alla convocazione). Il beneficio potrà essere erogato per un massimo di 18 mesi ed è rinnovabile per non più di un anno, solo dopo che siano passati sei mesi dal godimento della prestazione. L'Istituto di previdenza verificherà i requisiti entro cinque giorni e, in caso di esito positivo, concederà la misura, a condizione che il progetto d'inclusione personalizzato venga firmato. L'istanza deve essere presentata presso i punti di accesso, ovvero presso altra struttura identificata dai comuni, sulla base dell'apposito modello di domanda, predisposto dall'INPS, sentito il Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.