Molestie sessuali, sospetti sul regista Fausto Brizzi ma lui si difende

Share

Molestie sessuali, sospetti sul regista Fausto Brizzi ma lui si difende

"Non ho mai avuto rapporti non consenzienti o condivisi". Intanto però ha detto di essersi auto sospeso da lavoro per tutelarsi al meglio.

Immediata la risposta del regista di "Notte prima degli esami", che dichiara: "Ho appreso con grande sconcerto dagli articoli apparsi sulle pagine di alcuni quotidiani dell'esistenza di ipotetiche segnalazioni di molestie fatte da persone di cui non viene precisata l'identità".

"Escludo categoricamente di aver conferito mandato legale per trattare il risarcimento del danno in favore di presunte vittime". "Procederò, pertanto, in ogni opportuna sede nei confronti di chiunque abbia affermato e affermi il contrario".

Il regista ha sospeso tutte le sue attività lavorative in essere: "In via precauzionale, e per evitare strumentalizzazioni, ho sospeso - ha spiegato - tutte le mie attività lavorative e imprenditoriali". A portare avanti la battaglia sono state soprattutto Le Iene, che hanno tirato fuori la vicenda con un'intervista a Tea Falco (attrice diventata famosa con la serie tv 1992).

Fausto Brizzi ha tenuto banco nelle cronache rosa già nei giorni scorsi quando secondo alcune indiscrezioni il regista vivrebbe un periodo di crisi con la moglie Claudia Zanella dalla quale ha avuto una figlia tre anni. Perché lei ha scoperto delle cose... A smentire le "voci" che hanno fatto letteralmente impazzire il gossip è stato l'avvocato della coppia: "Smentisco a nome di entrambi tali affermazioni in quanto destituite di ogni fondamento".

Lo scandalo delle molestie sessuali è esploso negli Stati Uniti con le accuse di stupro contro il boss della Miramax, Harvey Weinstein, ed è dilagato ormai in tutto il mondo fino a coinvolgere non solo il cinema, ma anche istituzioni come l'Unione europea e il Parlamento inglese.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.