Luna Fredda: il 3 dicembre l'ultima notte di Superluna dell'anno

Share

Luna Fredda: il 3 dicembre l'ultima notte di Superluna dell'anno

Non potevano che chiamarla così i nativi americani: sta infatti arrivando l'inverno astronomico (il solstizio d'inverno sarà il 21 dicembre alle ore 17 e 28 minuti ora italiana) e le notti diventeranno più lunghe, più buie e più fredde.

Ma i nativi americani, prevalentemente gli Algonchini, non sono gli unici ad aver attribuito nomi alla luna piena. La luna di dicembre è infatti anche nota come Luna prima di Yule, dove Yule è il solstizio di inverno, nome attribuito da genti di origine celtica. La parola sembra infatti derivare dalla quella scandinava o anglosassone 'Iul', o dal norvegese "jul" che significa "ruota", indicando una data che segna il punto definitivo nella Ruota dell'Anno, quando, nell'emisfero boreale, si vive la notte più lunga dell'anno. "Al suo sorgere, la Luna", aggiunge l'astrofisico Gianluca Masi, "si proietta dietro palazzi ed elementi del paesaggio, generando la sensazione che il suo disco sia più grande, ma è solo un'illusione ottica, dovuta appunto alla presenza nel campo visivo di termini di paragone, tratti dall'ambiente". "Durante il crepuscolo", dice l'astrofisico Gianluca Masi, "la luce solare residua consente di ammirare il paesaggio terrestre mentre la Luna piena si alza o cala sull'orizzonte". Perchè sarà molto più vicina alla Terra.

In Italia la Superluna sarà visibile a partire dalle 16.47 del 3 dicembre, si vedrà meglio nelle ore notturne ma, visto che le ore di buio si stanno allungando, il tramonto sarà comunque ben vicino a quell'orario. Disterà, infatti, 357.987 chilometri da noi. In questa notte speciale la Luna ci apparirà più grande del 7% e più luminosa di circa il 16%.

In inverno fa freddo, è vero, ma nel nostro emisfero le Superlune in questi mesi sono particolarmente spettacolari. Peccato che non potremo godere di questo spettacolo della natura, se non ammirandolo in televisione. La nostra stella, quindi, "spinge" la luna più vicina a noi, a causa dell'attrazione gravitazionale (la "forma" di forza di gravità che si sperimenta nello spazio). Delle dodici lune piene che hanno caratterizzato il 2017, infatti, solo quella di domenica prossima sarà "super".

Questo spettacolo della Superluna del 3 dicembre 2017, per quanto bellissimo, potrebbe però anche portare qualche effetto "collaterale". Nel 2018, infatti, l'appuntamento è per il 2 e 31 gennaio.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.