Italia, il nuovo Pirlo non è Verratti né Insigne

Share

Italia, il nuovo Pirlo non è Verratti né Insigne

Piuttosto faceva male agli azzurri l'autolesionistica scelta di Verratti di scalciare un avversario sotto gli occhi dell'arbitro: con ineluttabile ammonizione che gli precluderà il ritorno al Meazza. La partita iniziava con i svedesi che attaccavano in modo arrembante senza lasciare respiro agli azzurri e con una certa aggressività che mettevano difficolta i difensori azzurri che da leoni che sembravano diventavano degli agnellini lamentosi.

Il guizzo in elevazione si rivelava lo spunto migliore del torinista, che si andava progressivamente spegnendo: anche perché De Rossi e compagni, nella logica della sfida su 180′, cercavano sopratutto la gestione dell'incontro, il giropalla: senza affondare con convinzione in avanti.

"Ace" Ventura mediocre, impreparato e in totale confusione.

Ventura cammina come una tigre in gabbia nell'area tecnica, sbraita furibondo quando la manovra nel 3-5-2 azzurro sgorga lenta, come l'acqua da un rubinetto intasato dal calcare. Ennesimo segnale di un c.t. con poche idee e confuse.

Ha subìto un solo tiro in porta, l'Italia: quello di Johansson finito in rete per il tocco fatale di De Rossi: ed ha anche colpito un palo a portiere battuto con Darmian. Lo 0-0 con cui si va all'intervallo frustra comunque la pressione scandinava. Con il 3-4-3, davanti alla BBC ci sarebbero infatti sempre De Rossi e Parolo, con ai lati Darmian e Candreva - o Florenzi - e in attacco il tridente formato da Insigne, Immobile - o Belotti - e uno tra El Shaarawy e Bernardeschi - o lo stesso Candreva, qualora dovesse giocare Florenzi basso. Il calcio è una cosa semplice. No, dai, speriamo che Ventura si trasformi e che gli azzurri giochino davvero la partita della vita.

Si riparte e gli azzurri sembrano più convinti, Candreva saggia subito i riflessi di Olsen con un destro dal limite dell'area. Il gol che l'avvicina al Mondiale non poteva che arrivare per caso e in effetto che c'è di più casuale di una deviazione (di De Rossi) su un tiraccio dell'appena entrato Johansson? Sul risultato di 1-0, Ventura è passato al 4-2-4 inserendo Eder per Belotti e al 75′ Insigne per Verratti. Mi aspettavo di più anche da quel genietto di Forsberg. Il cuore lo mettiamo, ma è imbrigliato da tanti "vorrei ma non posso", siamo sempre terribilmente lenti a costruire la difesa gialla si schiera sempre. Finisce così, anzi, per fortuna non finisce. L'Italia ha provato ad uscire dalla tana e c'è riuscita con la migliore azione della primo tempo, quella che rimarrà l'unica per 45 minuti: il colpo di testa di Belotti che prima del colpo di Darmian ha fatto correre l'unico spavento a Olsen. Speriamo possano bastare per andare ai Mondiali.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.