"Io ho ucciso mio padre": arrestato dai Carabinieri per omicidio

Share

Un uomo di 43 anni è stato sottoposto a fermo dai carabiniere di Bologna dopo essersi presentato ai militari in caserma dicendo di aver ucciso il padre.

L'anziano era malato e con problemi di deglutizione: il quarantatreenne ha spiegato di aver fatto ingerire al padre dei pezzi di cibo troppo grandi perché l'uomo, viste le patologie di cui soffriva, riuscisse a ingerirli, morendo così soffocato. Il genitore in realtà è morto ed è stato già sepolto oltre un anno fa, nel settembre dell'anno scorso, e nessuno aveva mai lontanamente ipotizzato un omicidio visto che la morte era stata archiviata come naturale.

"Mio padre non è morto di morte naturale".

Alla luce delle dichiarazioni spontanee fornite, i carabinieri hanno disposto il fermo per il veneto, che, come richiesto dal pm Antonella Scandellari, dovrà essere convalidato. Ne è prova il fatto che sia stato trovato in possesso di un biglietto aereo, che avallerebbe la possibilità del pericolo di fuga dell'indagato. L'omicidio sembra che sia stato commesso attraverso soffocamento, ma sui dettagli c'è riserbo da parte degli investigatori, che attendono di definire meglio la vicenda, l'attendibilità del racconto della persona e perché si sia costituito a Bologna.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.