Falcone, nuova pista per la strage di Capaci: "Una donna nel commando"

Share

Falcone, nuova pista per la strage di Capaci:

Giovanni Falcone, strage di Capaci: dalle nuove indagini spunta un Dna femminile misterioso rinvenuto da alcuni reperti a pochi metri dal cratere, a chi appartiene?

Di chi sono allora le tracce trovate dentro i reperti 4A e 4B? Sulla pila della torcia si ritrova anche l'impronta digitale di uno degli stragisti di Cosa Nostra, Salvatore Biondo Per questo qualcuno ipotizza la possibile presenza di una coppia.

Stando a quanto riporta Il Fatto Quotidiano, i sospetti potrebbero ricadere su una certa Antonella, una donna che "agiva sempre" con Giovanni Aiello, meglio noto alle cronache come Faccia da mostro, l'ex poliziotto sospettato di essere un killer al servizio di Cosa Nostra. "E di chi sono le tracce di Dna femminile?", si chiede. Tuttavia, nella consulenza si legge: "I risultati mostrano chiaramente un profilo misto derivante da almeno tre individui diversi dove però la componente attribuibile ad uno o più soggetti di sesso femminile risulta essere maggiormente rappresentata".

Una donna nelle stragi di Mafia. Già lo si ipotizzava nella relazione del segretario generale del Cesis, l'organismo di coordinamento dei servizi segreti, che risale alla stagione delle bombe mafiose del 1993, esplose fra Roma, Milano e Firenze. In particolare, "i testimoni hanno riferito di una donna bionda sui 25 anni e di un uomo sui trent'anni".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.