Cecilia Rodriguez e la sua dura rivelazione

Share

Cecilia Rodriguez e la sua dura rivelazione

La bella argentina, inoltre, rispetto ai rapporti tesi fra lei e Luca Onestini, ribadisce al fratello Jeremías di aver fatto dei passi verso di lui, ma che ora è costretta a fregarsene in quanto Onestini non ha più voluto cercare un chiarimento o una delucidazione circa il loro rapporto incrinato con la sorella minore di Belen. Inutile dire che questa reazione non è piaciuta affatto ai telespettatori del GF Vip, che si sono indignati ancora di più. In particolar modo, la richiesta da parte dei telespettatori è arrivata dopo che i due si sono appartati all'interno dell'armadio.

Dopo questo ultimo video ripreso dalle telecamere, il web si è scatenando sui social, infatti tra i vari commenti, uno è balzato agli occhi di tutti, infatti su Twitter, un telespettatore ha dichiarato che vista l'uscita di Marco Predolin e di Gianluca Impastato per una bestemmia adesso sarebbe giusto squalificare Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser per atti osceni in luogo pubblico.

Una confidenza riguarda proprio Cecilia Rodriguez che qualche ora fa, mentre era in giardino, si è lasciata andare a delle dure considerazioni con il fratello Jeremías che domani compirà 29 anni.

Chi da parte di Cecilia Rodriguez si aspettava una reazione indignata, è stato deluso su tutta la linea. Una decisione molto importante quella della produzione. Su Change.org è stata addirittura aperta una petizione per squalificare la coppia dal reality. Ma Ignazio e Cecilia hanno tentato di scoprire alcuni luoghi dove potrebbe essere possibile appartarsi per vivere dei momenti di intimità. Se anche dicessi che sono contrario non farei altro che rischiare di allontanarmi da mio figlio. E infine hanno cercato di nascondersi dalle telecamere dietro ad una tenda.

Si sa, però, che non sempre i due, come anche altri concorrenti, seguono le regole, e quindi hanno pensato bene, anche in questo caso, di fare di testa loro e farsi riprendere dalle telecamere.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.