Buffon in lacrime: "Addio Nazionale, tutti colpevoli"

Share

Buffon in lacrime:

Toccanti dichiarazioni di Gigi Buffon alla fine della partita pareggiata 0-0 dall'Italia contro la Svezia.

"Quel pallone proprio non voleva entrare", si dice in questi casi.

Poi c'è l'arroganza, anche quella impossibile da dimenticare. Per ora la certezza più assoluta è che non sarà più Ventura a guidare una squadra da rifondare, nonostante non siano arrivate le sue dimissioni. "Ace" Ventura, detto anche Edgar (per l'incredibile somiglianza col maggiordomo cattivo degli Aristogatti, nella foto a sinistra), ha stupito ancora: di male in peggio. Con Olsen che diceva no a El Shaarawy, Buffon a cercare gloria in attacco e Ventura con le mani in tasca: il ct pagherà ma intanto l'Italia del calcio è affondata. Nemmeno un goal. Ci hanno provato Candreva, Immobile, Parolo, Florenzi nel finale del primo tempo e di nuovo Florenzi, Immobile nel secondo, ma tutto si è infranto sulla gigantesca quanto fragile difesa svedese. Doveva esserci almeno un 2-0, invece niente.

ADDIO AMARO - "Dispiace, dispiace non per me, dispiace per il movimento, abbiamo fallito un qualcosa che anche a livello sociale poteva essere importante e di conseguenza questo è l'unico rammarico che ho e non certo quello di finire".

Oltre ai quattro titoli mondiali, sono stati molti i disastri dell'Italia ai Mondiali nel suo percorso ultracentenario. Una storica disfatta che speriamo serva almeno per ricostruire il nostro calcio dalla fondamenta.

Ma siamo l'Italia 4 volte campione del Mondo, abbiamo il dovere di rialzarci e ricostruire per bene, perchè siamo italiani e gli italiani non sono mai domi. "Dispiace che l'ultima partita ufficiale sia coincisa con una non qualificazione ai Mondiali". Ci è mancata l'energia e la lucidità per fare gol.

Lascio mandando un abbraccio a tutti quelli che mi hanno sostenuto, in particolare a Chiello, Barza e Leo con cui abbiamo condiviso più di dieci anni insieme su tutti i campi. Ai posteri l'ardua sentenza.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.