Afghanistan, attacco contro gli studi televisivi di Kabul: "Ci sono vittime"

Share

Afghanistan, attacco contro gli studi televisivi di Kabul:

Come già ricordato precedentemente, l'Isis ha rivendicato ufficialmente la paternità dell'azione terroristica sui social network. Secondo Shamshad TV, almeno venti tra impiegati e giornalisti sono rimasti feriti. La tv ha ripreso le trasmissioni. Un portavoce del Comitato olimpico dell'Afghanistan con sede adiacente alla tv ha detto che almeno 25 dipendenti sono riusciti a fuggire.

"Tramite le telecamere di sicurezza ho visto tre assalitori entrare nell'edificio". Morta la guardia all'ingresso, colpita dal commando che poi ha continuato a sparare e a lanciare granate per farsi strada nell'edificio. Poi l'edificio sarebbe stato attaccato da almeno due o tre uomini armati con il lancio di bombe a mano.

"Hanno ucciso una delle guardie all'ingresso e sono entrati, aprendo il fuoco".

"Alcuni dei miei colleghi sono stati uccisi, altri sono feriti", ha raccontato il reporter, Hashmat Istankzai. Alcuni giornalisti avevano ricevuto più volte minacce. Le conseguenze della decima guerra condotta da eserciti stranieri e la settima-ottava guerra civile dal 1816 in Afghanistan sono ampiamente visibili nonostante sia calata una coltre di silenzio sul conflitto che ancora è in atto nel Paese. Inoltre, stando a quanto riportato da "Rai News", i Talebani hanno dichiarato di non aver nulla a che vedere con questo recente attacco kamikaze.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.