Scalata a Mediaset, blitz della Finanza negli uffici parigini di Vivendi

Share

Scalata a Mediaset, blitz della Finanza negli uffici parigini di Vivendi

Agenti della guardia di finanza stanno perquisendo in queste ore, assieme a colleghi della gendarmeria francese, gli uffici parigini della società Vivendi che controlla Telecom Italia e che lo scorso anno ha tentato la scalata a Mediaset.

Secondo quanto emerso, anche gli uffici parigini della banca di investimento Natixis sono stati perquisiti. L'inchiesta, condotta dai pm Fabio De Pasquale e Silvia Bonardi, ha portato all'iscrizione nel registro degli indagati del numero uno di Vivendi, Vincente Bollorè, e dell'amministratore delegato Arnaud De Puyfontaine, entrambi accusati di aggiotaggio.

Quella di oggi è un'"indagine di routine", affermano intanto da Vivendi, ribadendo la massima "trasparenza" a proposito dell'ipotesi di reato di aggiotaggio per il quale sono in corso le perquisizioni della Guardia di Finanza.

Gli investigatori starebbero puntando ad acquisire documentazione sull'acquisto di azioni Mediaset da parte della società tlc francese, nell'ambito dell'inchiesta aperta dalla Procura di Milano sulla tentata scalata del gruppo francese al principale operatore televisivo privato italiano. Fininvest e Mediaset hanno presentato un esposto contro Vivendi sostenendo che il gruppo francese avrebbe creato "ad hoc" le condizioni per far scendere il titolo Mediaset, per poi lanciare la scalata "a prezzi di sconto".

È in corso anche una causa civile tra le due contendenti la cui prossima udienza è stata fissata al 19 dicembre per valutare la riunione dei procedimenti nati da due denunce separate di Mediaset e Finivest. "Questo atto non indica in alcun modo un accusa nei confronti di qualcuno -".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.