Microsoft e la Realtà Virtuale, non è ancora il momento giusto

Share

Xbox One X è la console di gioco più potente al mondo, tuttavia questa potenza sembra indirizzata solamente per migliorare l'esperienza di gaming, piuttosto che per offrire qualcosa di nuovo ai giocatori, come l'utilizzo di un sistema per la realtà virtuale come hanno già fatto, invece, altri competitors come Sony. Sull'argomento si è espresso Albert Penello, Senior Director of Product Management presso la casa di Redmond.

"C'è ancora un sacco di sperimentazione nella realtà virtuale". Ovviamente ci sono prodotti destinati ai consumatori. Spostare il problema sul display dei vostri occhialini rispetto ai limiti della TV è stato il risultato di alcune sfide affrontate con le TV 3D. La VR ha moltissimo potenziale. Se è un prodotto adatto per il consumatore? Lo è per una parte dei clienti. "Con Kinect e Wii abbiamo capito che trasferire l'esperienza di gioco classica sulla realtà virtuale non è una strategia vincente". La Realtà Virtuale da il suo meglio con prodotto pensati specificamente per questa tecnologia. "Ma, almeno per quest'anno, non abbiamo chiesto ai nostri sviluppatori di lavorare in questa direzione", conclude Albert. In attesa di novità, ricordiamo che il colosso di Redmond collaborerà con HP, Dell, Lenovo, Asus, e Acer per il lancio di una linea di visori per la Mixed Reality.

Share


© . Tutti i diritti riservati.