Il dramma di Aida Yespica: "Da bambina sono stata abusata"

Share

Il dramma di Aida Yespica:

Anche la sesta puntata del Grande Fratello Vip ha regalato parecchi sussulti agli abitanti della casa più spiata di Italia. Gianluca Impastato è stato espulso per una bestemmia, mentre Jeremias Rodriguez è finito in nomination con Veronica Angeloni. Poco dopo, la bella venezuelana è stata abusata. Inoltre il video creato dalla produzione fa riemergere un altro momento terribile della sua vita: quando ad appena 5 anni ha subito violenza da parte di un uomo, ed aggiunge: "Mio padre non è mai venuto a saperlo, ricordiamo le cose più belle, mio padre ci faceva le treccine per andare a scuola e ci faceva da mangiare e poi è morto davanti a me e non ho potuto fare niente".

"Gli episodi che hai raccontato ti hanno condizionato?" le ha chiesto la conduttrice Ilary Blasi. Al Grande Fratello Vip tutto può succedere e ieri sera abbiamo visto il primo 'rientra in gioco', con Lorenzo Flaherty graziato dalla dea della fortuna. "Mio padre non l'ha mai saputo".

Aida ha perdonato sua madre per averla abbandonata. "Mia madre ha abbandonato me e mia sorella quando io avevo due anni". Si è innamorata di un altro. Quando sono tornata in Venezuela gli ho fatto vedere le mie foto, lui era già malato. Probabilmente ha solo bisogni di calarsi in questa nuova realtà. Ho iniziato a lavorare, lavoravo in una boutique e la notte vendevo birra in un pub per raccogliere i soldi e andarmene. La verità è infine uscita in questi giorni, in cui la Yespica ha finalmente rivelato del trauma subito, che l'ha segnata per sempre. Nonostante l'abbandono, Aida Yespica ha cercato di giustificare la sua scelta: "Era molto giovane". La Russo ha approcciato con grande entusiasmo e vuole ripetere il successo ottenuto in passato all'Isola dei Famosi. Alfonso Signorini, coinvolto emotivamente dalla vicenda raccontata dalla concorrente, ne ha approfittato per rivolgere un annuncio. Alfonso Signorini, infine, ha rivolto un appello a tutte le donne: "Denunciate".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.