Google Home Mini ficca il naso dove non deve e Google rimedia

Share

Google Home Mini ficca il naso dove non deve e Google rimedia

Dopo qualche tempo, lo speaker ha iniziato a rispondere a quello che coglieva dalle trasmissioni televisive senza che nessuno avesse pronunciato "OK Google". Il Google Home Mini speaker però si attivava non con i comandi ma con qualsiasi suono o conversazione. Una gravissima violazione della privacy che ha attirato le attenzione di Google e del suo team di sviluppo, che ha risposto alle segnalazioni di Russakovskii inviando un tecnico che controllasse l'unità apparentemente difettosa. Un aggiornamento è stato rilasciato e disattiva la funzione di attivazione di Assistant con un long press.

Google ha parlato di bug ma siamo sicuri che non si è trattato di una pratica ricorrente in quel di Mountain View? Peccato che ascolti e registri anche quando non si pronunci necessariamente il comando OK Google. Google sta ora lavorando ad una soluzione di lungo termine.

Fortunatamente gli acquirenti di Google Home Mini possono verificare le attività del loro nuovo piccolo speaker attraverso il portale Google My Activity, in cui è anche possibile capire se si possiede una delle unità difettose.

Google invita tutti gli utenti che riscontrano lo stesso problema a contattare il servizio d'assistenza per ottenere una nuova unità.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.