Brexit: il Parlamento europeo chiede a Londra progressi tangibili

Share

Brexit: il Parlamento europeo chiede a Londra progressi tangibili

In giornata il parlamento europeo voterà una risoluzione sullo stato dei negoziati sul Brexit. "Sebbene il Parlamento accolga con favore i chiarimenti forniti dal Primo ministro May nel suo recente discorso a Firenze - si legge in una nota di Strasburgo - i deputati europei auspicano che il governo del Regno Unito presenti senza indugio proposte specifiche per salvaguardare l'insieme dei diritti che attualmente godono i 4,5 milioni di cittadini dell'Ue e del Regno Unito, rispettare integralmente gli obblighi finanziari del Regno Unito nei confronti dell'Ue, risolvere la questione della frontiera dell'Irlanda/Irlanda del Nord, nel pieno rispetto dell'Accordo del Venerdì Santo".

Secondo il negoziatore capo della Commissione europea Michel Barnier, nel negoziato "restano divergenze serie, in particolare per quanto riguarda il regolamento finanziario: non accetteremo di pagare in 27 ciò che è stato deciso a 28".

Nessun progresso sufficiente a iniziare la discussione sulle relazioni future tra Unione Europea e Gran Bretagna nel post Brexit.

Brexit: stallo negoziati, “impossibile andare oltre”

Michel Barnier, capo negoziatore per la Ue su Brexit, riferisce al Parlamento Ue. "Rimane del lavoro da fare", ha spiegato il presidente della Commissione.

Questa valutazione da parte degli eurodeputati non conta formalmente nel corso del negoziato, ma è uno snodo sulla strada verso l'accordo, quando questo verrà definit: gli europarlamentari, infatti, dovranno esprimersi con un voto sul testo dell'intesa per la Brexit. Nella riunione del 19-20 ottobre, i ventisette avrebbero dovuto decidere il da farsi sulla base dei risultati della trattativa: a meno che nel 'round' della settimana prossima, la delegazione britannica non cambi rotta, ai leader non resterà che prendere atto della situazione e rinviare la decisione. Il 19 e 20 ottobre si riuniranno a Bruxelles i capi di Stato e di governo della Ue.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.