Asia Argento: 'Harvey Weinstein ha violentato anche me, ho taciuto per paura'

Share

Asia Argento: 'Harvey Weinstein ha violentato anche me, ho taciuto per paura'

Asia Argento - attrice, regista e figlia d'arte - è un personaggio controverso, oscuro e fuori dagli schemi ma le sue ultime dichiarazioni hanno scoperchiato letteralmente un vaso di Pandora e rovesciato una tempesta mediatica contro Harvey Weinstein. Nel corso di un'indagine durata dieci mesi, sono state raccolte testimonianze di tredici donne che, tra gli anni '90 e il 2015, Weinstein ha molestato o aggredito sessualmente, accuse che corroborano e si sovrappongono alle rivelazioni del Times e si uniscono a delle denunce ancor più gravi. Il produttore è stato accusato di molestie sessuali nei confronti di attrici e assistenti che con un'inchiesta shock del New Yorker hanno confessato di essere state abusate dall'uomo. In un'intervista al New Yorker ha rivelato di non aver avuto il coraggio di denunciare quanto accaduto vent'anni fa, perché temeva ritorsioni da parte del produttore. "Ora. Francamente. Vai a letto con un bavoso potente per anni e non dici di no per paura che possa rovinare la tua carriera".

Anche una delle paladine dei diritti come Vladimir Luxuria, ha attaccato, scrivendo su Twitter: "Asia avrebbe dovuto dire NO a #Weinstein come hanno fatto altre attrici". A finire tra le grinfie del co-fondatore della Miramax c'è anche Asia Argento. Pur raccogliendo la solidarietà di molti per la difficile esperienza vissuta, la Argento ha dovuto comunque incassare anche le critiche di alcuni utenti, che le hanno rimproverato di aver denunciato i fatti troppo tardi, e i veri e propri insulti arrivati da altri. Dunque ha rincarato: "Abbiamo denunciato tutte dopo 20 anni perché avevamo paura di quel mostro che è (era) uno degli uomini più potenti del mondo". Si criticava l'attrice per non aver parlato prima, maliziosamente facendo credere che fosse "complice della violenza". Però ti prego. Paladina delle vittime di molestie, abusi e stupri, anche no. Facciamo che sei finita in un gorgo putrido di squallidi do ut des e te ne sei pentita.

Ogni volta che lo vede Asia Argento ricorda quei momenti e prova vergogna.

La Argento aggiunge anche che Weinstein era ossessionato da lei, tanto che alla fine 'cedette' e i due diventarono persino amici, arrivando ad avere addirittura, nei cinque anni successivi, anche dei rapporti consensuali. "Il mio cuore è infranto al pensiero di tutte le donne che hanno sofferto per azioni imperdonabili" ha detto la donna al magazine People.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.