Ambiente: torna il "vuoto a rendere" per le bottiglie di vetro

Share

Ambiente: torna il

Nella giornata di ieri martedì 10 ottobre è entrato in vigore il regolamento del Ministero dell'Ambiente su foto a prendere per le bottiglie di birra e acqua minerale in plastica e vetro. Ricordiamo a tal riguardo che la fase sperimentale del progetto durerà un anno e permetterà all'utente di ricevere dai 5 ai €0,30 per contenitore. E' un'iniziativa per sensibilizzare i consumatori sull'importanza del riutilizzo e riciclo dei materiali (plastica e vetro) e diminuire la produzione dei rifiuti.

"Un Paese proiettato nell'economia circolare come l'Italia - afferma il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti - non può che guardare con interesse a una pratica come il vuoto a rendere, già diffusa con successo in altri Paesi". Gli esercizi commerciali che aderiranno al vuoto a rendere saranno riconoscibili grazie a un simbolo posto all'ingresso. Come funzionava? Per tutti i prodotti commercializzati in bottiglie di vetro, pare si pagasse una sorta di cauzione ovvero un prezzo per portare a casa il contenitore oltre che il contenuto alimentare, poi dopo l'impiego l'acquirente poteva decidere se restituire il contenitore e riscattare la cauzione, oppure acquistare un nuovo prodotto pagando soltanto il contenuto e non il contenitore di vetro. In pratica i contenitori si potranno riconsegnare al barista o al commerciante in cambio della restituzione di una piccola cauzione versata al momento dell'acquisto. Una pratica già applicata negli anni ottanta ma poi andata nel dimenticatoio e ora la crisi la riporta in auge. La sperimentazione, inoltre, riguarda ristoranti, bar e tutti i locali di consumo, ed è su base volontaria.

Come previsto dall'articolo 219-bis del Dlgs 152/2006 (come introdotto dalla legge 221/2015, "green economy"), il sistema è volontario e spetterà agli esercenti aderire o meno compilando il relativo modulo allegato al decreto al momento dell'acquisto dell'imballaggio di birra o acqua minerale e consegnandolo al distributore o produttore, versando la relativa cauzione (tra 0,05 e 3 euro) che gli verrà restituita al momento della riconsegna dell'imballaggio vuoto.

Le norme sono previste per contenitori di volume compreso tra gli 0,20 e gli 1,5 litri.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.