Alberto di Monaco a Palermo

Share

Alberto di Monaco a Palermo

Il nobile monegasco in lingua francese ha fatto la sua lectio magistralis "La mer et l'homme - des menaces aux promesse", ovvero Il mare e l'uomo dalle minacce alle promesse, in cui ha spiegato i motivi del suo grande impegno per queste tematiche ambientaliste, mettendo l'accento sui danni dell'inquinamento e sulle cattive abitudini che minacciano i mari de mondo a partire dal Mediterraneo. Un legame stretto tra i Grimaldi e Santa Caterina, con il Principe che ha seguito le tracce dei suoi antenati, che nel 1572 acquisirono la baronia di Santa Caterina e poi furono nel 1600 protagonisti della ricostruzione del paese.

Alberto di Monaco, appassionato di opera e di musica, è rimasto molto ammirato dalla grandiosità della sala e dai numeri da Guinness del Teatro, terzo in Europa dopo quelli di Parigi e di Vienna. Si prosegue domani a Mazzarino, in provincia di Caltanissetta: qui il sindaco Vincenzo Marino gli concederà la cittadinanza onoraria. Per il principe un ritorno v isto che tra i titoli di casa Grimaldi c'è quello di Duca di Mazzarino, conferito nel 1777. Uno degli obiettivi di questo viaggio è scoprire le origini della famiglia Grimaldi. Poi lo spostamento nel Ragusano dove Alberto di Monaco è atteso nel pomeriggio a Modica. L'ambasciatore Robert Fillon è volato a Modica a maggio per fare un sopralluogo e incontrare il sindaco della città, Ignazio Abbate e il presidente della fondazione Grimaldi, Uccio Barone che ha ricostruito il legame dei Grimaldi con la contea di Modica. Una scelta voluta dal principe di visitare i luoghi legati alla famiglia. "Il fiore all'occhiello sarà la riapertura del Castello dei Conti che sarà riaperto dopo tantissimi anni alla cittadinanza", dice il sindaco Ignazio Abbate. Il principe e la consorte visiteranno anche il Palazzo Grimaldi e il Museo del Cioccolato.

Alberto II di Monaco "si è anche interessato alle risorse da pesca promuovendo progetti per la conversazione delle specie marine di interesse commerciale a maggior rischio".

Share


© . Tutti i diritti riservati.