A Img i diritti globali della Serie A, offerta da 340 milioni

Share

A Img i diritti globali della Serie A, offerta da 340 milioni

"Di fronte a quanto prendono la Liga, la Premier e la Bundesliga, abbiamo bisogno di recuperare tanti anni di grandi errori, dove per molti anni all'estero il nostro prodotto non veniva visto-". Abbiamo avuto offerte mortificanti per colpa di un grande errore di Nicoletti, Tavecchio e Infront. Dopo le trattative condotte insieme con l'advisor Infront per analizzare le offerte dei 30 operatori che hanno partecipato al bando, con una delibera approvata da 18 società sulle 20 della massima serie italiana, si è deciso di assegnare l'intero pacchetto dei diritti all'agenzia statunitense, per una cifra che si aggira intorno ai 350 milioni di euro. Le idee del numero uno azzurro erano altre: "Dobbiamo cambiare lo statuto, assumere un ad che si dedichi a migliorare la vendita dei diritti e massimizzare gli introiti". Dirà sempre 'bravi, bene, fantastico!'.

Infront ci ha creato un danno. Ripeto: i diritti tv sono stati valutati il doppio e ora siamo negli standard europei. "Aumenta il gap con le straniere". "Mi meraviglio che Inter e Milan, comprate dai cinesi, cadano nel baratro di questo misunderstanding". E' chiaro - ha continuato il presidente del Napoli - che le agenzie dicono ai broadcaster: 'Tu non ti muovere, offri di meno, poi tanto li assegno a te i diritti tv'. A riguardo, si è espresso con parole forti e polemiche il presidente del Napoli, Aurelio de Laurentiis (leggi qui). Questa la replica dell'ad di Infront Italy dopo le dichiarazioni del presidente del Napoli in merito alla sua nomina: "De Siervo è stato messo a capo di Infront da Renzi".Lapidario, invece, il commento di Carlo Tavecchio, presidente della Figc e commissario straordinario della Lega Serie A: "Le parole di De Laurentiis?".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.