A Bologna 3mila per sport paralimpici

Share

A Bologna 3mila per sport paralimpici

Tredici differenti discipline sportive all'insegna dell'inclusione, da provare insieme ai propri compagni di classe seguendo i consigli di allenatori e di atleti di livello internazionale. Una mattinata di prove, incontri e dimostrazioni, a cui sono attesi 2.500 studenti delle scuole primarie e secondarie dell'Emilia-Romagna.

L'evento, che si svolgerà in contemporanea in altre cinque città (Milano, Ostia, Bologna, Sassari, Palermo), rappresenta la più importante iniziativa per favorire l'integrazione delle persone disabili nel tessuto sociale attraverso la pratica sportiva. A Bologna arriveranno una trentina di pullman da tutta la regione: ritrovo in piazza VIII agosto e poi "camminata del benessere" verso piazza Maggiore, dove alle ore 9.00 avranno inizio le attività.

Le discipline proposte sono state: tiro con l'arco, tennis tavolo, tennis in carrozzina, scherma, canoa, canottaggio, vela, judo, pesistica, basket in carrozzina, handbike, go-kart, sitting votley, atletica leggera, ginnastica, danza sportiva, badminton, torball, tiro a segno, arrampicata sportiva, nuoto, calcio a 5 e it wheetchair hockey, calciobalilla paralimpico.

"La nostra regione è culla del movimento paralimpico - conclude Melissa Milani -".

Un'occasione per dimostrare che lo sport è un diritto per tutti e che nulla, grazie alla pratica sportiva, è impossibile.

"Siamo arrivati all'undicesima Giornata nazionale dello Sport Paralimpico - ha detto - e dopo tre anni ritorna in Sicilia, in piazza Politeama, con la partecipazione di tanti alunni delle scuole palermitane di primo e secondo grado". Dal palco hanno "cantato" in lingua dei segni l'inno di Mameli Vanessa Caboni (campionessa mondiale di pallavolo per sordi), Viola Strazzari e Francesca Gironi (entrambe bronzo agli ultimi Mondiali di pallacanestro per sordi).

A Bologna la Giornata nazionale dello sport paralimpico è organizzata dal Cip Emilia-Romagna in collaborazione con Tper, con i patrocini di Comune di Bologna, Città metropolitana di Bologna, Regione Emilia-Romagna, Ufficio scolastico regionale, direzione regionale dell'Inail e Azienda Usl di Bologna.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.