Spesometro:proroga al 5/10,poi moratoria

Share

Spesometro:proroga al 5/10,poi moratoria

Nonostante la scadenza dei termini sia fissata per giovedì 28 settembre, dallo scorso venerdì il servizio è stato interrotto poiché, a causa di un errore del sistema, era possibile accedere ai dati dei contribuenti solo inserendo il loro codice fiscale. Come ribadito dal Presidente dei Commercialisti Massimo Miani "Considerato che la situazione nei prossimi giorni non può che complicarsi ulteriormente ribadiamo l'assoluta necessità di uno slittamento della scadenza e di considerare questo primo invio di natura sperimentale con conseguente disapplicazione delle sanzioni per le violazioni eventualmente commesse, con la possibilità di effettuare correzioni".

Da qui la decisione tanto attesa: la proroga dei termini per l'invio dei dati delle fatture emesse o incassate (l'ormai famoso spesometro) viene rinviato al 5 ottobre prossimo.

COMMERCIALISTI: IL MINISTERO CI CONVOCHI Le "gravi difficoltà" riscontrate nell'adempimento del cosiddetto Spesometro (con il sito dell'Agenzia delle Entrate in 'tilt' dallo scorso fine settimana) messe oggi nero su bianco dal coordinamento delle associazioni dei commercialisti (ADC, AIDC, ANC, ANDOC, UNAGRACO, UNGDCEC, UNICO), che hanno chiesto ancora una volta una proroga della scadenza del 28 settembre all'Amministrazione finanziaria. In considerazione dei disagi sopravvenuti, con provvedimento del direttore di Agenzia delle entrate in corso di emanazione, saranno ritenute tempestive le comunicazioni relative ai dati delle fatture presentate entro il 5 ottobre 2017. L'avviso infatti presente nella sezione del sito "Fatture e Corrispettivi" informava gli utenti che " il servizio web è temporaneamente sospeso per manutenzione.

Si ricorda, in proposito - spiega l'Agenzia - che sono comunque sempre stati attivi tutti gli altri canali di trasmissione dei dati attraverso software gestionali.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.