Nuovo Anteo, lo schermo si fa in 10

Share

Nuovo Anteo, lo schermo si fa in 10

La Libreria del Cinema Anteo viene sostituita da un più ampio Caffè Letterario-Biblioteca dello Spettacolo, per conferenze, lezioni, consultazioni di testi e film. Da 1° maggio 1979 in cui tre ragazzi rilevano una vecchia sala cinema per 13 milioni di lire ("o meglio due etti di cambiali" precisa uno dei fondatori) e ci aggiungono anche musica e teatro perché la tivù impazza e di solo cinema non si campa. Due sale specifiche saranno rivolte rispettivamente alla proiezione di film in lingua originale, e al cinema italiano.

Si tratta di una notevole aggiunta per il quartiere di Porta Nuova, dopo la sede della Fondazione Feltrinelli, di Microsoft ed Eataly, per non parlare del nuovo palazzo di Amazon la cui apertura avverrà in autunno inoltrato. Si può venire, ovviamente, per vedere i film ma non solo.

Resta da dire che l'Anteo, da quando è Palazzo del Cinema ha cambiato anche indirizzo, non più via Milazzo ma Piazza XXV Aprile, quindi è dirimpettaio di Eataly Smeraldo, altra storia di successo tra spettacolo e food. L'idea che si intende sostenere, partendo dall'esperienza di quasi 40 anni di attività, è quella di un cinema che fa parte del tessuto sociale: la sala, in un centro metropolitano deve diventare sempre più uno spazio culturale multifunzionale e multidisciplinare, che si apre alla città, accoglie le sue proposte e le fa diventare parte integrante della propria programmazione. Torniamo al cinema di una volta, dove convivialità e condivisione sono funzionali al godimento del film. Nove sale cinematografiche, una sala cinema-ristorante, dove gustare le prelibatezze di Eataly durante la proiezione. Infine - ultima missione a vocazione europea - il Palazzo del Cinema sarà funzionante per tutto l'anno, senza pause estive. Con una visione necessariamente diversa dal cinema in città e di città che avevamo fin qui conosciuto.

Il Palazzo del cinema ospiterà anche delle notevoli novità tecnologiche, con sale dotate di proiettori 4K e 2K Barco/ Cinemeccanica e una sala dotata di Atmos Dolby, un sistema all'avanguardia che consente di generare un ambiente audio tridimensionale più realistico. Il restyling del complesso esistente e l'annessione del palazzo Anni 30 (fu una casa del Fascio) portano la firma dell'architetto Riccardo Rocco di Milano che parla di "un grande atrio maestoso che dirigerà il pubblico in due percorsi destinati alle sale a livello terra e ai piani alti". Per l'occasione ogni proiezione avrà il costo di 2,50€. Ce l'eravamo lasciato alle spalle come "cinema" e ce lo ritroviamo ora come "Palazzo del Cinema". Le proiezioni a prezzo speciale inizieranno alle ore 17 dell'8 settembre fino a mezzanotte circa e proseguiranno il 9 settembre dalle ore 10 alle ore 15; a seguire la programmazione continuerà a prezzo intero.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.