Morti nell'ondata di fango, il cordoglio alla famiglia Ramacciotti

Share

Morti nell'ondata di fango, il cordoglio alla famiglia Ramacciotti

Registrati picchi di 250mm in poche ore con diffusi allagamenti in città, frane e smottamenti sulle colline retrostanti.

Una domenica da incubo, quella che sta vivendo quasi tutta l'Italia, messa letteralmente in ginocchio dal violento nubifragio che si sta abbattendo in queste ore nel nostro paese.

Nella tragedia del nubifragio che ieri ha colpito Livorno ed ha causato sette morti, fra cui quattro componenti di una stessa famiglia, c'è anche la storia di sacrificio di un uomo, un nonno, che ha dato la sua vita per salvare la sua nipotina di quattro anni e ha fatto di tutto per cercare di mettere in salvo anche il resto della famiglia, non riuscendo nell'intento ed annegando. "Era bella, intelligente, amava i viaggi e la famiglia".

È l'alba, dormono, quando la casa e le loro vite vengono spazzate via dal Rio Maggiore che esonda.

In via Sauro, all'angolo con via Rodocanacchi, sono morti in quattro della famiglia Ramacciotti: il nonno Roberto, 65 anni, assicuratore per le Generali a Empoli.

Ha preso in braccio Camilla e si è diretto verso le scale interne che portano al piano terra, dove ha incontrato Marco Gasparrini, che abita al secondo piano della casa. "Il livello dell'acqua è salito molto velocemente" raccontano i testimoni. Roberto era nella compagnia dal 1975 mentre suo figlio Simone si era laureato in Economia e commercio a Pisa.

Camilla è la sola che ce l'ha fatta.

Roberto Ramacciotti è riuscito a prendere Camilla e consegnarla, salva, tra le braccia del vicino. Così avrebbe potuto dedicarsi completamente ai suoi due nipotini.

I Ramacciotti erano tra i titolari di una grande agenzia assicurativa Generali a Empoli.

Laureato in economia e commercio aveva anche studiato a Boston, e condivideva con il padre l'amore per lo sport. Filippo, il bambino di 4 anni che babbo e nonno non sono riusciti a salvare, aveva festeggiato il compleanno sabato sera con i compagni dell'asilo.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.