Manovre pericolose/La strategia di Kim per garantire la sopravvivenza del suo regime

Share

Manovre pericolose/La strategia di Kim per garantire la sopravvivenza del suo regime

L'esplosione sotterranea è stata di gran lunga la più potente registrata ad oggi, l'effetto ha fatto tremare le case in Corea del Sud e in Cina.

Le bombe a idrogeno, definite anche bombe-H o termonucleari, sono molto più potenti delle bombe atomiche "convenzionali", quelle finora testate dalla Corea del Nord. L'esercitazione ha coinvolto degli F-15 oltre a missili balistici "Hyunmoo" che hanno centrato in pieno un bersaglio collocato in mare. Essenzialmente un tentativo di congelare il paese quest'inverno e di fermare l'apparato industriale coreano. L'Aiea continua a seguire da vicino gli sviluppi del programma nucleare della Corea del Nord "oggetto di grave preoccupazione", ha concluso. Un chiaro, secco e serio riferimento a Cina e Russia, il cui interscambio commerciale con la Corea del Nord è aumentato negli ultimi tempi. Questo è fondamentale per la UE per continuare ad essere credibile. Guerra, ma nessuno ci crede, nemmeno l'ex consigliere guerrafondaio Steve Bannon ("una soluzione militare non c'è") e di sicuro nemmeno il Pentagono, anche se Trump sfodera il solito ritornello ("tutte le opzioni sono sul tavolo") basato proprio sui suoi briefing.

"Non è ancora una vera bomba a idrogeno, ma è certamente la cosa che gli si avvicina di più tra quelle mai provate prima", ha riferito l'analista statunitense Bruce Bennett alla Bbc.

Nonostante l'approvazione, il mese scorso, dell'ennesimo pacchetto di sanzioni contro Pyongyang, Kim conferma la sua strategia: costringere gli Stati Uniti al dialogo e, nel frattempo, accrescere il potere di deterrenza (anche atomico) di Pyongyang, in modo da poter sedere a un eventuale tavolo delle trattative in una posizione di relativa forza.

Prima della conferma, subito dopo la notizia del terremoto, il premier giapponese Shinzo Abe aveva dichiarato ai giornalisti: "Se quello della Corea del Nord e' davvero un test nucleare, e' una cosa assolutamente inaccettabile e dobbiamo presentare una severa protesta". Dal Ministero dell'Ambiente sud-coreano è atteso nel pomeriggio di oggi, ora locale, il consenso condizionato al Thaad (Terminal High-Altitude Area Defense system) a Seongju, nel sud-est della Corea del Sud, secondo fonti che hanno parlato all'agenzia sud-coreana Yonhap.

Donald Trump sta seguendo passo passo la situazione.

Anche la Svizzera ha preso posizione, sottolineando che "questo test viola le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, costituisce un pericolo per la pace e la sicurezza nella regione e si oppone agli sforzi della comunità internazionale nel settore della non proliferazione delle armi nucleari", scrive il Dipartimento federale degli affari esteri in una presa di posizione inviata all'agenzia telegrafica svizzera.

Quali sono le armi che potrebbero essere utilizzate se il conflitto si trasformasse in qualcosa di più che un terrificante annuncio? Da diverso tempo, infatti, gli Stati Uniti hanno fatto ricorso ai loro armamenti nel Pacifico, puntandoli dritti sulla Corea del Nord.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.