Lazio, Luis Alberto SHOCK: "A febbraio volevo lasciare il calcio"

Share

Lazio, Luis Alberto SHOCK:

Svincolato da compie difensivi, l'ex Liverpool risulta più decisivo e pericoloso in fase offensiva: "Mi piace giocare libero, ma devo lavorare forte, come ho fatto con la Juventus, la Spal e il Milan - ha rivelato Luis Alberto -".

Passando agli obiettivi stagionali, lo spagnolo è stato chiaro: "Secondo me la Lazio è ancora più forte dello scorso anno, e ancora deve tornare gente come Nani e Felipe Anderson". La Nazionale è importante per me, ci tengo a difendere il mio Paese. "In ogni caso il mister ha tanti calciatori che meritano il posto, lavoriamo bene tutti durante la settimana", ha dichiara il centrocampista spagnolo al termine della gara. Ho lavorato molto sulla mia testa e ho capito che dovevo migliorare su alcuni aspetti. "Ringrazio tutti quanti, anche la mia famiglia che mi è stata vicino quando le cose non andavano bene". Lavoro al massimo e penso di aver fatto bene in questo inizio di stagione. Se è la mia partita più bella? Noi contro la Juve abbiamo sofferto i primi 15 minuti, ma abbiamo fatto una gara molto completa riuscendo a tenere la Juve lontana dall'area e giocando in contropiede. Possiamo toglierci delle soddisfazioni, io voglio la Champions League e giocare il più possibile.

Esordio. Tra i protagonisti della vittoria c'è anche Luis Felipe, centrale difensivo subentrato per l'infortunio di Radu, uscito per crampi. Il mister mi ha detto di stare tranquillo e di ripetere quanto fatto in allenamento e ad Auronzo. Ho 24 anni e l'anno scorso ho riposato tanto quindi quest'anno sono carico.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.