La denuncia del sindaco di Lampedusa: "Siamo soli. L'hot spot va chiuso"

Share

La denuncia del sindaco di Lampedusa:

In questa situazione le forze dell'ordine sono impotenti.Questa la pesante accusa del sindaco di Lampedusa che ha chiesto al governo di chiudere l'hotspot. "Per due volte un fruttivendolo che si trova davanti alla stazione dei carabinieri ha subito il furto di fiaschi di vino". "Io vedo un'isola tranquilla e vivibilissima, piena di turisti", dichiara il sacerdote all'Adnkronos. E il parroco, Don Carmelo La Magra: "Sono sorpreso, vedo un'isola vivibilissima". Francamente non vedo il minimo problema.

"I tunisini arrivati sull'isola sono molto giovani e certamente rumorosi ma - insiste - io vedo un'isola serena e vivibilissima".

Il sindaco torna poi sulle dichiarazioni di oggi precisando: "saremo sempre accoglienti, ma chiedo anche il rispetto per i cittadini di Lampedusa che non meritano di essere abbandonati dalle istituzioni nazionali. Magari ha qualche notizia più certa, ma io non vedo disordini", sottolinea il sacerdote. La replica dell'ex sindaca Nicolini: Martello "fa terrorismo".

Così come nelle coste della provincia di Agrigento, anche l'estate lampedusana è stata caratterizzata dal fenomeno degli 'sbarchi fantasma', ossia di imbarcazioni che quasi indisturbate arrivano sulle spiagge e con i migranti che successivamente fanno perdere le proprie tracce: a differenza di quanto avviene nel nostro territorio, essendo Lampedusa di modeste dimensioni i migranti non riescono a disperdersi tra le campagne e vengono quindi fermati e condotti presso il locale hotspot. Secondo voi sono parole di qualche pericoloso esponente di Fratelli d'Italia che soffia sul fuoco della paura dei migranti? "Magari una presa di posizione politica temendo che questi ragazzi possano essere dimenticati", conclude don La Magra. "È da un mese che va avanti così, se cammini da sola e sei una donna vieni molestata - dice ancora - Non è vero che sono persone per bene, sono delinquenti". E' di pochi giorni fa una scazzottata davanti alla caserma dei Carabinieri.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.