Dal 18 al 20 la vita di Bocelli raccontata sullo schermo

Share

Dal 18 al 20 la vita di Bocelli raccontata sullo schermo

Tutti conoscono la sua voce, le sue canzoni, le interpretazioni di famose arie liriche, la sua popolarità internazionale.

Vede chiaroscuri, contorni, non di più. La malattia lo costringe ad un calvario di interventi chirurgici. Presto deve separarsi dalla famiglia per entrare in un istituto per non vedenti ed imparare il Braille.

Un cast d'eccezione per il film che sarà trasmesso su Raiuno il 2 ottobre in prima serata: Antonio Banderas nelle vesti del severo maestro di musica, ruolo cardine nella formazione dell'artista, Ennio Fantastichini nel ruolo dello zio Giovanni, che sprona e incoraggia il piccolo Andrea ad intraprendere la strada della musica per combattere il problema della cecità.

La musica del silenzio: Beniamino Gigli canta in una clip esclusiva del film, da oggi al cinema

Nella pellicola che celebra la vita del tenore italiano si racconta la storia di Amos Bardi, alter ego di Bocelli, dall' infanzia agli inizi della sua carriera. La sua vita sarà una sfida senza soste fino a quando riuscirà a ottenere il primo vero successo in palcoscenico con l'esecuzione del Miserere. La pellicola si inserisce all'interno del progetto Cinemanchio per la resa accessibile dei prodotti culturali per le persone con disabilità sensoriale e cognitiva.

L'app MovieReading, che permette allo smartphone o tablet di visualizzare i sottotitoli di un film, in qualsiasi cinema, perfettamente sincronizzati, è disponibile su App Store, Android Market e su Samsung Apps. "La musica del silenzio" è in programmazione a Torino nelle seguenti sale: Eliseo, The Space e Nazionale, Massaua e Uci Lingotto con orari da definire.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.