Corea del Nord: bocciate le risoluzioni Onu, "una provocazione"

Share

Corea del Nord: bocciate le risoluzioni Onu,

"Stiamo cercando di spingere il regime a fare la cosa giusta", ha continuato la rappresentante americana all'Onu, che è sembrata aver ammorbidito i toni rispetto alla settimana scorsa, quando disse che la Corea del Nord "stava cercando la guerra" e che la pazienza degli Stati Uniti "non è illimitata".

Corea del Nord boccia soluzione Onu Per la Corea del Nord la risoluzione Onu "è una provocazione", la boccia.

Dal canto loro, gli Stati Uniti pare siano spinti anche da motivazioni geopolitiche: Trump intende riconquistare posizioni in Estremo Oriente, dove al momento è la Cina che comanda. D' altro canto, però, Russia e Cina avevano proposto agli USA di interrompere le esercitazioni militari in Corea del Sud per facilitare un negoziato con Pyongyang, ma la prospettiva è stata scartata.

Nonostante la Corea del Nord abbia promesso le "peggiori sofferenze" in caso di ulteriori restrizioni economiche, nella giornata di ieri (mezzanotte ora italiana) il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato all'unanimità le nuove sanzioni contro Pyongyang. "Se Pyongyang non feremerà il suo programma atomico interverremo noi per farlo", ha detto l'ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite, Nikki Haley. "Dobbiamo fermare questa marcia verso un arsenale nucleare, dobbiamo tagliare i rifornimenti di carburante e i finanziamenti che lo sostengono", ha aggiunto Haley.

Il nono pacchetto di sanzioni imposto al regime di Kim Jong-un dal 2006 vieta di vendere a Pyongyang prodotti petroliferi raffinati che superino il mezzo milione di barili dal 1° ottobre 2017, per tre mesi, e due milioni di barili a partire dal 1° gennaio 2018 per 12 mesi. La scelta e' loro. Inoltre, la Corea del Nord non è in grado di acquistare gas condensato e liquido e vendere prodotti tessili. Un missile del genere ha finito la sua traiettoria, lo scorso febbraio, nelle acque del mar del Giappone. Il timore, dunque, è che si possa scatenare un conflitto nucleare potenzialmente devastante.

Rimarcando che la Corea del Nord è l'unico paese che ha sperimentato un dispositivo nucleare nel XXI secolo in aperta violazione della moratoria internazionale sui test nucleari il nostro governo sottolinea ancora una volta l'urgente necessità dell'entrata in vigore del Trattato globale per il blocco nucleare.

Dalle nuove sanzioni viene invece pesantemente colpita l'industria tessile della Corea del Nord, che arricchisce il Paese con 752 milioni di dollari l'anno.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.